| categoria: primo piano

Il Natale del Giubileo: basta indifferenza, serve giustizia

«In una società spesso ebbra di consumo e di piacere, di abbondanza e lusso, di apparenza e narcisismo», Gesù che nasce «ci chiama a un comportamento sobrio, cioè semplice, equilibrato, lineare, capace di cogliere e vivere l’essenziale». Così il Papa nella messa della notte di Natale. «In un mondo che troppe volte è duro con il peccatore e molle con il peccato – ha detto -, c’è bisogno di coltivare un forte senso della giustizia, del ricercare e mettere in pratica la volontà di Dio».

«Dentro una cultura dell’indifferenza, che finisce non di rado per essere spietata, il nostro stile di vita sia invece colmo di pietà, di empatia, di compassione, di misericordia, attinte ogni giorno dal pozzo della preghiera». È l’invito rivolto da papa Francesco ai fedeli.

«In una società spesso ebbra di consumo e di piacere, di abbondanza e lusso, di apparenza e narcisismo», Gesù che nasce «ci chiama a un comportamento sobrio, cioè semplice, equilibrato, lineare, capace di cogliere e vivere l’essenziale». «In un mondo che troppe volte è duro con il peccatore e molle con il peccato – ha detto -, c’è bisogno di coltivare un forte senso della giustizia, del ricercare e mettere in pratica la volontà di Dio».

A conclusione della messa papa Francesco ha portato l’immagine del Bambino Gesù in processione lungo la navata centrale della basilica per andare a deporla nel presepe allestito nella basilica vaticana, nella Cappella della Presentazione, sulla navata sinistra. Nella processione il Papa era affiancato dai bambini di varie nazionalità, in particolare di Paesi visitati nei suoi ultimi viaggi, con in braccio gli omaggi floreali. Dopo che la statuina del «bambinello», che durante la messa era sul tronetto ai piedi dell’Altare della Confessione, è stata collocata nel presepe, papa Francesco è rimasto in preghiera per alcuni istanti, mentre nella basilica risuonava il tradizionale canto «Tu scendi dalle stelle». Contemporaneamente un’immagine del Bambino Gesù veniva collocata anche nel presepe in piazza San Pietro, quest’anno offerto dalla Provincia Autonoma e dall’Arcidiocesi di Trento, allestito accanto all’albero di Natale proveniente dalla Baviera.

Oggi nella solennità del Natale, il Papa pronuncerà alle 12.00, dalla loggia centrale di San Pietro, il tradizionale messaggio natalizio e la benedizione «Urbi et Orbi». Sabato 27, festa di Santo Stefano, è in programma l’Angelus alle 12.00, mentre domenica 27 Francesco celebrerà la messa nella basilica vaticana alle 10.00 in occasione del Giubileo delle Famiglie, seguita ancora dall’Angelus a mezzogiorno. Si passa poi a giovedì 31 dicembre, quando alle 17.00 nella basilica vaticana il papa celebrerà i Primi Vespri della solennità di Maria Santissima Madre di Dio, con l’esposizione del Santissimo Sacramento e il tradizionale «Te Deum» a conclusione dell’anno civile. Venerdì 1/o gennaio, alle 10.00 nella basilica di San Pietro, il Pontefice celebrerà la messa in occasione della 49/ma Giornata Mondiale della Pace, sul tema «vinci l’indifferenza e conquista la pace».

Nel pomeriggio, alle 17.00, sarà invece nella basilica di Santa Maria Maggiore per la messa con il rito di apertura della Porta Santa, la quinta aperta personalmente da Bergoglio in questo inizio del Giubileo, dopo quelle di Bangui, in Centrafrica, di San Pietro, di San Giovanni in Laterano e dell’Ostello della Caritas alla Stazione Termini. Mercoledì 6 gennaio, alle 10.00 nella basilica vaticana, Francesco celebrerà la messa nella solennità dell’Epifania. Chiuderà il ciclo natalizio la messa che domenica 10 gennaio, festa del Battesimo di Gesù, il Papa celebrerà come da tradizione nella Cappella Sistina e nella quale amministrerà il battesimo di alcuni bambini

Ti potrebbero interessare anche:

Lampedusa si svuota, inizia il trasferimento dei profughi
Cantone attacca Roma: Milano è la capitale morale d'Italia
Migranti: Vienna, nessun muro al Brennero
Incendio a Grenfell Tower a Londra, in corso evacuazione, diversi feriti, udite grida d'aiuto
Renzi, se Berlusconi è candidabile lo sfido in collegio
Saltano le nozze Fca-Renault



wordpress stat