| categoria: primo piano

Smog, vertice al ministero. Flop per blocco del traffico e targhe alterne: le polveri sottili aumentano

image

Mentre a Milano si fermano per il terzo giorno consecutivo le auto private e a Roma sono previste restrizioni ai veicoli inquinanti, le polveri sottili non accennano a diminuire. Oggi governatori e sindaci incontrano il ministro dell’Ambiente Galletti per concordare altre misure, mentre Legambiente ha organizzato un flash mob davanti alla sede del dicastero. Per Maroni servono misure strutturali per due miliardi. Ormai é cgiaro: blocco delle auto e targhe alterne non bastano per ridurre lo smog. Lo dicono le centraline di Milano e Roma che ieri hanno mostrato addirittura aumenti o stabilità delle polveri sottili PM10. Il governatore della Lombardia Roberto Maroni riconosce che i “blocchi estemporanei non servono” mentre ci vogliono 2 miliardi per misure strutturali (per potenziare il trasporto pubblico locale e per incentivi per vietare nella regione veicoli inquinanti). Palazzo Marino spiega che le valutazioni vanno fatte al termine delle tre giornate di fermo del traffico e che, comunque, questo provvedimento ha contribuito a non far aumentare l’inquinamento. 

Ti potrebbero interessare anche:

Blitz contro secessionisti veneti: 24 arresti
Corruzione, irregolari sette appalti su dieci
Meriam ricevuta dal Papa
Burkina Faso, blitz terroristico contro l'hotel degli stranieri. Morti e feriti
Via libera alla manovra 2017, soldi per tutti
Londra, bomba in metro: 29 feriti. Isis rivendica



wordpress stat