| categoria: Scienza

Nuova ricerca riabilita l’ansia: può salvarti la vita

Ma chi l’ha detto che l’ansia fa male. Secondo un nuovo studio dell’Istituto Francese di Sanità e Rircerca Medica, pubblicato sulla rivista eLife, lo stato di “iper-vigilanza” tipico delle persone ansiose permette ai segnali di allerta di sollecitare in tempi fulminei i settori del cervello responsabili delle reazioni, scatenando un aumento dell’adrenalina che permette una risposta tempestiva in caso di pericolo. Le persone rilassate, invece, non riconoscono una minaccia in modo altrettanto veloce e i primi segnali di pericolo vengono recepiti da altre zone del cervello, preposte alla percezione sensoriale e al riconoscimento dei volti. Quindi la loro reazione a potenziali minacce è più lenta.

Gli autori dello studio sono arrivati a questa conclusione monitorando le reazioni di 24 volontari di fronte a immagini di potenziali minacce, di vario livello. Solo gli “osservatori iper-ansiosi” hanno mostrato un livello di sensibilità ai segnali di pericolo riscontrabile nella corteccia cerebrale”.

“Le reazioni immediate possono aver rappresentato una forma di adattamento destinato alla sopravvivenza”, ritiene la dottoressa Marwa El Zein, capofila della ricerca. “Per esempio, noi esser umani ci siamo evoluti a fianco dei predatori che possono attaccare, mordere, pungere. Una reazione rapida da parte di una persona che sta provando paura può servire ad evitare il pericolo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Alzheimer, il cervello “compensa” i primi danni della malattia
L'arricchimento cognitivo precoce può contrastare l'evoluzione dell'Alzheimer
Il lievito modificato diventa "fabbrica" di antidolorifici
Staminali, nel 2018 i primi test sull'uomo con cellule embrionali. Si parte con il Pasrkinson
Team milanese scopre le cause genetiche della tachicardia ereditaria
Parkinson. Alcune varianti genetiche ne accelerano la progressione



wordpress stat