| categoria: sport

Garcia, buttati due punti, che rabbia

«Sonni agitati? No, stanotte dormo sereno. Ma con la rabbia giusta per ricominciare, sabato con il Milan». Al termine della gara contro il Chievo, il tecnico della Roma Rudi Garcia analizza la gara del Bentegodi. E ribadisce di non sentirsi in bilico: «Mi spiace perché abbiamo perso due punti importanti – afferma il tecnico – Non dovevamo prendere il primo gol perché il Chievo è andato al riposo carico, dovevamo chiudere la frazione con il doppio vantaggio. Ai ragazzi ho poco da rimproverare – aggiunge -, onestamente vincere su questo campo era difficile perché ci mancavano uomini importanti, ma pensavo comunque di potercela fare e siamo andati vicinissimo alla vittoria». «I ragazzi erano tutti arrabbiati ma ora questa rabbia la dobbiamo mettere in campo sabato – sottolinea Garcia -. Ci sarà una grande partita col Milan e dobbiamo vincere per rimanere in scia con le prime». Quasi certa l’assenza di Salah, uscito per un dolore muscolare («spero non sia una cosa lunga»), mentre la Roma ha annunciato il ricorso contro la seconda giornata di squalifica di Dzeko. «Oggi – ha proseguito Garcia – abbiamo avuto diverse occasioni da gol, sono contento per Sadiq, sta crescendo e abbiamo un giocatore di qualità in più che ci serve con l’assenza di Dzeko». Una Roma che al Bentegodi è apparsa anche poco solida nel reparto arretrato. «Ci può stare – riprende Garcia – arrivavamo da quattro partite senza subire gol, abbiamo ritrovato la verve offensiva. Sono due punti persi, chiaro perché ci trovavamo sopra di due reti. Però penso che oggi, visto come eravamo, abbiamo fatto il massimo». Rolando Maran é soddisfatto. «Abbiamo conquistato un buon risultato al termine di una bella prestazione di una squadra che sa quello che vuole – dice il tecnico del Chievo -. Ci siamo approcciati bene, poi abbiamo commesso in effetti degli errori. La Roma sugli errori è stata brava». Maran nel finale ha giocato la carta Pepe e proprio Pepe ha realizzato la rete del pareggio. «Sono contento che sia stato determinante – commenta -. Lui ha la grande giocata e grazie alla sua punizione abbiamo trovato il pareggio. Il gol sulla tecnologia? Ci è stato dato quello che ci meritavamo. Le 500 partite in A del Chievo? Abbiamo regalato al presidente una partita in stile Chievo, con grande determinazione e grande personalità. Sono felice – conclude – perché il presidente sarà contento di questo risultato».

Ti potrebbero interessare anche:

Roma altro pari e fischi, fallito il controsorpasso
Alla Fiorentina il derby con l'Empoli, Europa al sicuro
Addio Parma. Tra regole e ripescaggi è corsa ad un posto in Serie B
CALCIOMERCATO/Inter, bloccato Joao Mario: 45 milioni allo Sporting
Serie B, Cittadella resta solo in vetta
Champions, la Juve impatta con il Lione, qualificazione agli ottavi rinviata



wordpress stat