| categoria: turismo, Venezia

VENEZIA/ Arti e mestieri per il Carnevale 2016, due settimane al via

“Le arti e i mestieri di Venezia”: questo il tema del Carnevale 2016, il cui programma – presentato dal sindaco Brugnaro e dal neodirettore «Il Carnevale di Venezia è per forza “deì veneziani” e “per ì veneziani”: per la prima volta lo vorrei “con” i veneziani». Così Marco Maccapani, nuovo direttore artistico del Carnevale di Venezia, ha presentato in Comune il suo programma. «La prima cosa da cui partire – ha proseguito – è il fatto che questo è ritenuto da tutti il Carnevale più famoso del mondo. Per questi tre anni ho progetti ambiziosi che, magari, alla fine, riusciremo a mettere in atto».Si articolerà su tre week-end (dal 23 gennaio al 9 febbraio) e sarà ricollegata senza soluzione di continuità al Natale.
Per l’apertura, a Cannaregio, sarà ricreata la sfilata acquea per la vittoria a Lepanto. Confermati gli eventi tradizionali, come la Festa delle Marie (Maccapani ha annunciato la presenza di grossi nomi della moda in giuria) e i voli. Numerose le iniziative che saranno promosse, a partire da un’applicazione che aiuterà i visitatori per finire con una presenza importante all’Arsenale (in tre tese affiancate, caratterizzate da diversi prezzi e livelli di entrata, ma finalizzate ad avere un unico grande pubblico). Esclusa la realizzazione di mega-palchi in Piazza San Marco (dove saranno valorizzate il più possibile le eccellenze e le professioni veneziane di città storica e terraferma, in un contesto titolata “Le fabbriche di Venezia in Piazza San Marco”).
Il budget di partenza della manifestazione, secondo quanto annunciato dagli organizzatori, sarà leggermente inferiore allo scorso anno e pari a circa 1,2,-1,3 milioni di euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Dalla Maremma alla Sicilia, è quasi tempo di mare
Anche la "transiberiana d'Abruzzo" tra gli itinerari scelti dal Mibact
Dalla Sindone a Raffaello, spiritualità e arte a Torino
Il tram per Venezia, il sindaco guida la prima corsa
I 10 mulini a vento più belli d’Europa
Venezia, una app a prova di 'bacaro'



wordpress stat