| categoria: attualità, primo piano, Senza categoria

Italia-Ue scontro aperto. Juncker: Renzi non offenda la Commissione

Sono sempre più tesi i rapporti fra Roma e Bruxelles. «Esito sempre a esprimermi con lo stesso vigore con cui Renzi si rivolge a me, perché non aggiusta sempre le cose», ha detto il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. «Ritengo che il primo ministro italiano, che amo molto, abbia torto a vilipendere la Commissione a ogni occasione, non vedo perché lo faccia» perché «l’Italia a dir la verità non dovrebbe criticarla troppo» in quanto «noi abbiamo introdotto flessibilità contro la volontà di alcuni Stati membri che molti dicono dominare l’Europa».

Probabilmente «a fine febbraio mi recherò in Italia, perchè l’atmosfera tra l’Italia e la Commissione non è delle migliori», ha aggiunto Juncker, dicendo che il premier «Renzi si lamenta sempre che non sono mai stato in Italia da quando sono diventato presidente della Commissione».

«Sono stato molto sorpreso che alla fine del semestre di presidenza italiana Renzi abbia detto davanti al Parlamento che è stato lui ad aver introdotto la flessibilità, perché sono stato io, io sono stato», ha rivendicato ancora il numero uno della commissione Ue, sottolineando che «su questo voglio che ci si attenga alla realtà». «Io mi tengo il mio rancore in tasca, ma non crediate che sia ingenuo», ha concluso.

«Da parte del governo italiano non c’è nessuna volontà di offesa, ma atteggiamento costruttivo», ha replicato il ministro dell’Economia, Piercarlo Padoan.

«Ho incontrato il premier Renzi. Mi ha confermato l’atteggiamento costruttivo dell’Italia: non siamo gli sfasciacarrozze dell’Europa, ma vogliamo che le carrozze Ue siano veloci e confortevoli per i cittadini». Lo afferma all’agenzia Ansa Gianni Pittella. «Di fronte al baratro basta polemiche. È tempo di affrontare sfide assieme».

«Sberle di Juncker a Renzi. Di solito Juncker non ci piace ma oggi come dargli torto. Renzi opportunista, inaffidabile, irriconoscente». Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

«Juncker e Renzi si attaccano? Sono due facce (di bronzo) della stessa medaglia. Fanno entrambi gli interessi di banche e multinazionali, contro i cittadini. Andassero a farsi fottere tutti e due». Cosi il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini su Facebook.

«Juncker tira le orecchie a Renzi e lo sbugiarda su flessibilità: con il Bomba l’Italia è zimbella Ue e i cittadini pagano le conseguenze!». Così su Twitter il deputato M5S, Riccardo Fraccaro.

Ti potrebbero interessare anche:

Toscana, per le case della salute oltre 8 milioni alle Asl
Fineco debutta con il botto in Borsa, il 18 tocca a Sisal
Le Pen ora vuole l'Eliseo, "è la fine dei socialisti"
DIETRO I FATTI/ Quelle suore di clausura in fuga dal terremoto e la violenza dei media
Scoperti mille grandi evasori, hanno sottratto all'erario 2,3 miliardi
Virus Cina: a Hong Kong assaltato un palazzo destinato alla quarantena



wordpress stat