| categoria: politica, Senza categoria

A Torino il centro destra ha una grana per le Comunali. Caos candidati

Centrodestra in fibrillazione sotto la Mole, e non solo, in vista delle amministrative. A pochi mesi dal voto, la coalizione è l’unica a non avere ancora annunciato i propri candidato sindaco. E mentre i partiti continuano a discutere, a livello locale emergono le prime auto-candidature. Come quella a Torino di Alberto Morano: «Non c’é più tempo da perdere – sostiene -, Torino ha bisogno di sapere chi sarà il candidato sindaco del centrodestra e io sono a disposizione». «Il centrodestra può vincere solo con la coalizione», gli fa eco Osvaldo Napoli, vicecoordinatore piemontese di Forza Italia e da molti considerato un possibile candidato. Le schermaglie a pochi giorni dall’endorsement a Piero Fassino di ‘storici’ esponenti della coalizione come l’ex presidente forzista della Regione Piemonte, Enzo Ghigo, e il cattolico Udc Michele Vietti. Un apprezzamento pubblico, il loro, che ha fatto gridare «all’inciucio» la sinistra e ha costretto il sindaco Fassino ad affrettarsi a negare l’esistenza del Partito della Nazione. E così, in attesa che i vertici nazionali si spartiscano le grandi città, con Napoli e Milano a precedere Torino nelle priorità, la base si interroga su cosa fare. «È arrivato il momento di sapere chi sarà il candidato sindaco intorno al quale costruire l’alternativa ad un centrosinistra che governa da 33 anni e che ha reso la città fanalino di coda tra le metropoli italiane», sostiene Morano, 58 anni, area Forza Italia, di mestiere notaio e una gran voglia di buttarsi in politica. «Io sono disponibile – sottolinea – ma bisogna fare in fretta». «Non ho nulla contro Morano che, a differenza mia, si è autocandidato mentre a me hanno chiesto la disponibilità», gli fa eco il forzista doc Napoli, 71 anni, ex democristiano, deputato di lungo corso e una lunga esperienza da amministratore locale. «Io credo nella coalizione di centrodestra, non nelle avance dei singoli – aggiunge -. Il centrodestra se non vuole suicidarsi deve trovare un candidato di coalizione». «Occorre al più presto un candidato fortemente schierato e percepibile come alternativo, senza se e senza ma, al mal governo di Fassino e Chiamparino», sottolinea Agostino Ghiglia, dell’esecutivo nazionale di FdI-An, mentre la Lega ha già fatto sapere che in caso di mancato accordo correrà con il suo attuale capogruppo in Consiglio comunale, Fabrizio Ricca.

Ti potrebbero interessare anche:

Vigilanza Rai, Roberto Fico (M5S) alla presidenza:"Toglierò le mani dei partiti dal servizio pu...
EXPO/ Rettighieri nuovo dg al posto di Paris
Delibera Cantone, si precisano i poteri della Authority. Dall'avvio delle ispezioni fino agli atti a...
Latina, la Regione mette in vendita albergo a Sabaudia e villa a Ponza
Aste, Modigliani da record, entra nel "club dei cento milioni"
EDITORIA/ Gli Angelucci e il Tempo, appuntamento all'11 maggio



wordpress stat