| categoria: Scienza

Diabete, un gene mutato protegge dalle complicanze

Un gene mutato ‘scudo’ contro le complicanze del diabete. Ricercatori torinesi della Città della Salute, insieme a colleghi finlandesi e americani, hanno scoperto una mutazione associata al gene SLC19A3 del trasportatore hTHTR2 della vitamina B1 (tiamina), che protegge dallo sviluppo di retinopatia e nefropatia, due gravi complicanze del diabete. La scoperta è stata pubblicata su ‘Diabetes’. Il diabete mellito, sia il tipo 1 (la forma giovanile che richiede insulina per sopravvivere) sia il tipo 2 (dell’età più avanzata), è in rapido aumento in tutti i Paesi del mondo, ricordano i ricercatori. Nel nostro Paese, secondo le ultime statistiche diffuse da Diabete Italia, il 4,9% della popolazione (3 milioni di persone) ha una diagnosi di diabete e un altro milione (1,6%) ha già il diabete senza ancora aver ricevuto una diagnosi. Il problema più importante del diabete è costituito dalle sue complicanze croniche: la retinopatia è la prima causa di perdita della vista in età lavorativa e una delle prime cause di cecità in assoluto; la nefropatia è oggi la prima causa di dialisi e trapianto renale. Inoltre, il diabete aumenta di 2-3 volte il rischio di infarto e ictus e più di 20 volte le probabilità di subire un’amputazione agli arti inferiori nel corso della vita. Per prevenire questi effetti si cerca di mantenere i livelli della glicemia e della pressione arteriosa più vicini possibili ai valori di chi non è diabetico, ma i pazienti e i loro medici sanno bene quanto ciò sia difficile e come questi obiettivi si raggiungano in non più della metà dei casi. Le complicanze possono svilupparsi anche se glicemia e pressione sono soddisfacenti, ma vi sono pazienti che nonostante glicemie molto alte per anni non fanno i conti con questi problemi. Questo ha fatto sospettare l’esistenza di fattori genetici che possono proteggere, o al contrario favorire, lo sviluppo delle complicanze. Ora una ricerca identifica una mutazione protettiva.

Ti potrebbero interessare anche:

Sclerosi multipla, la Regione affida alla Fondazione S.Lucia un ruolo preciso nella "rete"
LO STUDIO/ Sclerosi multipla, una proteina rallenta la malattia
I pisolini migliorano la memoria lungo termine
Progetto Genoma 2.0, vuole riscrivere il Dna dell'uomo
Un chip nel cervello restituisce il tatto
Marijuana, negli anziani potrebbe rallentare la degenerazione del cervello



wordpress stat