| categoria: Roma e Lazio

Vigili, ci mancava il “caso Modaferri”

La vice comandante del corpo di polizia locale Roma Capitale, Raffaella Modafferi, è un personaggio da prendere con le molle e certamente suscita all’interno del Corpo sentimenti contrastanti. Già in passato era finita sui giornali per l’abitudine di portare il cane al lavoro, o di parcheggiare in divieto di sosta, o fdi arsi portare da un agente del comando fino al parcheggio dove lasciava l’auto privata prima di andare in ufficio. L’ultima riguarda la sua festa di compleanno per i 60 anni, organizzata in una delle aule del Comando generale in via della Consolazione: l’episodio è stato denunciato dall’Arvu, l’associazione europea delle polizie locali , che ha presentato un esposto alla Procura e alla Corte dei conti. Una denuncia corredata di foto e video che ritraggono ufficiali, agenti, parenti e amici della vice comandante, brindare a colpi di gazzosa, stuzzichini e primi piatti. «In orario di servizio?», si chiede il relatore dell’esposto. E ancora: «E’ un reato usare un locale di lavoro per una festa privata?». La parola passa ai magistrati. A girare i video e a montarli con tanto di scritte in sovrimpressione sono stati alcuni agenti del Corpo. Forse la cose poteva essere risolta in modo diverso. Ma è evidente che il clima all’interno del Corpo non è dei più sereni.

Ti potrebbero interessare anche:

BALLOTTAGGIO/ Marino scopre i disabili e le loro difficoltà a Roma
Ferrari, ville, ristoranti e locali a Testaccio, maxi sequestro al clan dei Casamonica
Street art, c'è la guida per scoprire i murales in città
La protesta dei licenziati di Almaviva durante la sfilata dei re Magi
Censimento nomadi, per la Raggi sono solo 4500
IN CORSO SGOMBERO EX MIRA LANZA, 37 IDENTIFICATI



wordpress stat