| categoria: Dall'interno

FIRENZE/ In questura una sala di ascolto per le vittime di violenza

Inaugurata questa mattina in via San Gallo la Sala Ascolto «Iqbal Masih» della questura di Firenze, uno spazio interamente attrezzato e dedicato all’accoglienza e all’ascolto di donne, minori e soggetti vulnerabili vittime di violenza. Lo spazio, realizzato dalla questura nell’ambito del progetto Agave-Actions Against Violence, prende il nome dal bambino pakistano diventato simbolo della lotta contro il lavoro minorile. Il progetto, sviluppato insieme ai servizi sociali del Comune di Firenze – in stretta collaborazione con l’assessorato al Welfare e l’assessorato alle Pari Opportunità – l’associazione Artemisia onlus e l’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi – rientra nell’ambito di una serie di interventi incentivati dal ministero delle Pari opportunità, per «rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza». A tale scopo lo spazio, formato da un ambiente completamente autonomo con ingresso dedicato da via San Gallo, è stato realizzato in parte con il finanziamento dello stesso ministero delle Pari opportunità e in parte con il contributo del Comune di Firenze. L’arredamento della sala e quanto necessario a creare un contesto adeguato è stato finanziato dal Rotary di Firenze. Il negozio «Città del Sole» di Firenze ha donato giochi e materiali per i bambini. La sala è frutto di una continua e costante collaborazione tra tutti i servizi sul territorio specializzati nella tutela dei minori e delle fasce vulnerabili che operano quotidianamente raccordandosi costantemente anche con l’autorità giudiziaria fiorentina. L’ambiente è volto a garantire l’audizione di minori, ma anche di donne e di soggetti vulnerabili in un contesto ove possano sentirsi tranquilli e tutelati in momenti di particolare difficoltà e fragilità. Una delle stanze è attrezzata con cura per svolgere le audizioni protette dei minori, con le modalità e nei casi previsti dalla legge, ovvero con l’ausilio di un esperto in psicologia infantile che, insieme a operatori specializzati della polizia giudiziaria, ha il compito di facilitare la raccolta delle dichiarazioni dei giovanissimi al fine di evitare un eventuale stress psicofisico e l’alterazione della qualità e la quantità dei ricordi. L’audizione viene audio-video registrata nella sala regia adiacente.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Papa telefona a casa di ragazzo distrofico del Torinese
Morti per amianto alla Olivetti, chiusura indagini per Passera, De Benedetti e altri trentasette
NATALE/Pasta e panettoni dominano i menù lombardi
Precipita da Luna Park, ragazza muore dopo volo 20 metri
Tribunale, no a scarcerazione di Riina
Palermo, tentano di violentare una ragazzina di 13 anni: sei minorenni indagati



wordpress stat