| categoria: salute

Vaccini, in calo copertura anche seconda dose trivalente

Il trend delle vaccinazioni in Italia è sempre in calo, e per morbillo, rosolia e parotite gli obiettivi del 95%, necessari a garantire la cosiddetta ‘immunità di gregge’, sono molto lontani. Lo confermano i dati diffusi oggi dal ministero della Salute sulla seconda dose della vaccinazione trivalente, che confermano quelli dati pochi mesi fa sulla prima.

Secondo i dati la media nazionale di copertura della seconda dose nel 2014 è risultata intorno all’82,5%, in calo rispetto all’84% del’anno precedente. Nessuna regione arriva al 95%, con l’Umbria che risulta la più virtuosa con il 92,3% (era al 94% nel 2013) seguita da Emilia Romagna, che passa però dal 92% al 91%, Piemonte e Lombardia, entrambe poco sopra il 90%. I dati peggiori si hanno per la Sicilia, intorno al 65,6% di copertura ma in aumento del 10%, Calabria (65,7%) e Campania (73,9%). La seconda dose, spiega il sito del ministero, si dà di solito a 5-6 anni, secondo il Piano nazionale per l’eliminazione di morbillo e rosolia congenita. “Il Piano individua il raggiungimento di una copertura vaccinale di almeno il 95% per la prima dose (rilevata con le coperture a 24 mesi) e sempre del 95% per la seconda dose – si legge sul sito -. Purtroppo tali obiettivi non sono stati raggiunti, in nessuna regione italiana, anzi, è presente un trend in diminuzione della copertura, pressoché ovunque”.

Ti potrebbero interessare anche:

Digiuno e alcol per dimagrire: 300mila in Italia. E' una malattia, si chiama drunkoressia
MEDICINA/Nel mondo 40 mln di non vedenti, patologie occhi sempre più diffuse
Farmaci autocura, tachipirina piu' venduto, Maalox 26esimo
Ansia e insomma per quattro milioni di over 40: spia di disturbi sessuali
Un super smalto al fluoro per dire addio trapano
Diabete, se compare in gravidanza può creare problemi al fegato anche dopo 25 anni



wordpress stat