| categoria: Dall'interno

PROSTITUZIONE/ 2 – Tratta delle nigeriane, donne costrette ad abortire con mix di farmaci e alcol

Costretta ad abortire con un cocktail di farmaci e alcool perché rimasta incinta di un cliente. È una delle storie emerse dalle indagini della Squadra Mobile della Questura di Roma che hanno consentito di smantellare una complessa organizzazione criminale attiva nello sfruttamento della prostituzione di giovani donne fatte giungere appositamente in Italia attraverso la rotta Nigeria-Libia-Sicilia. L’indagine è scaturita dalla denuncia di una ragazza nigeriana, vittima dell’organizzazione criminale, alla quale nell’aprile del 2013, le era stato offerta la possibilità, da parte di una donna nigeriana a capo del sodalizio criminoso, di raggiungere Roma per trovare lavoro. La giovane, convinta a partire con questa falsa promessa, era stata prima consegnata a un uomo nigeriano che l’aveva accompagnata attraverso il continente africano sino a raggiungere le coste libiche, per poi imbarcarsi, dopo un periodo di attesa in una ‘connection house’ in compagnia di altre ragazze sempre reclutate dalla medesima organizzazione, su un barcone che trasportava circa 70 clandestini, giungendo sulle coste siciliane nei pressi di Lampedusa. Prima di partire per l’Europa, la vittima era stata sottoposta, da parte dei parenti della sua sfruttatrice, a un rito Woodoo, attraverso il quale viene fatta promessa di lealtà e di restituzione di denaro. Una volta giunta a Roma, la giovane nigeriana, dopo essere stata sistemata in un appartamento di viale Alessandrino, era stata costretta a prostituirsi dalla sua sfruttatrice, che originariamente le aveva proposto il viaggio a Roma, attraverso varie minacce, ricordandole il rito woodoo alla quale era stata sottoposta nel suo paese d’origine. Nel corso delle investigazioni, si è accertato come la sfruttatrice abbia costretto la vittima ad abortire con un cocktail di farmaci e alcool perché rimasta accidentalmente incinta di un cliente, abbandonandola in strada prima di essere soccorsa da personale del 118 e ricevere le cure del caso presso il Policlinico Tor Vergata. Le ragazze sfruttate, circa una decina, venivano costrette a prostituirsi nella zona nord dell’hinterland romano, lungo le strade consolari Salaria, Flaminia e sulla via Palmiro Togliatti. Tutti gli arrestati, ad eccezione di uno già in carcere a Civitavecchia, sono stati portati presso il carcere di Rebibbia.

Ti potrebbero interessare anche:

Il centro dell'Aquila torna a vivere per la Woodstock del jazz
XYLELLA/ Manifestanti bloccano il taglio degli ulivi nel Brindisino
Caso Fortuna, picchiata in carcere la mamma di Antonio
Oltre 40 mila beni culturali in Italia a rischio alluvione
Daisy: identificati aggressori, agito per goliardia
SPARISCE LA BARA E DOPO 5 MESI RICOMPARE NEI VIALETTI DEL CIMITERO, GIALLO A PALERMO



wordpress stat