| categoria: esteri, Senza categoria

Giulio Regeni: La Procura egiziana esamina la videosorveglianza

La magistratura egiziana sta visionando registrazioni di videosorveglianza della zona dove è scomparso Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano torturato a morte al Cairo. Lo confermano fonti nella capitale egiziana rimandando ad informazioni rilanciate dal sito egiziano al Watan. “I responsabili della Procura”, ha scritto il sito, “continuano a visionare le videocamere dei negozi e di certi appartamenti”.

“Le indagini degli apparati di sicurezza hanno affermato che l’ultimo posto dove si trovava Giulio Regeni era via Sudan”, ha premesso il sito accreditando un dato emerso il giorno prima. “E immediatamente le forze di sicurezza hanno setacciato la strada, in particolare i negozi che vi si affacciano, per informarsi se ci sono videocamere che abbiano ripreso immagini della vittima”, aggiunge El Watan senza precisare le proprie fonti ma segnalando che la Procura di Giza, “sotto la direzione del giudice Ahmed Nagy, ha ricevuto il rapporto di medicina legale” su Regeni. “I responsabili della Procura hanno anche interrogato gli abitanti del suo immobile”. Ieri il New York Times aveva riferito come un “testimone” sostenga che il fermo dell’italiano da parte di due agenti in borghese sarebbe stato “ripreso da quattro telecamere di sorveglianza” di altrettanti negozi del quartiere ma la polizia egiziana “non ha ancora chiesto le registrazioni video”.

E’ durata 20 minuti l’ultima chiamata fatta da Giulio Regeni prima di essere rapito per poi finire torturato a morte: lo segnalano fonti giudiziarie al Cairo. “La procura generale ha ricevuto tabulati telefonici che mostrano” come “l’ultima chiamata è stata fatta al suo amico italiano Gennaro” Gervasio “ed è durata 20 minuti”, affermano le fonti citate da Al Ahram. Giulio Regeni fu fermato e portato via dalla polizia egiziana il 25 gennaio al Cairo, probabilmente scambiato per una spia “per via di alcuni contatti sul telefono di persone legate all’opposizione anti-governativa”. A scriverlo è il New York Times che cita, a sostegno della versione, tre funzionari della sicurezza egiziana coinvolti nelle indagini. Se le testimonianze citate dall’autorevole quotidiano americano trovassero conferma, si tratterebbe della prima ammissione in questo senso da parte di esponenti delle autorità egiziane, seppure in forma anonima. Ma c’è di più. Sempre secondo il giornale, un “testimone” sostiene che il fermo dell’italiano sarebbe stato “ripreso da quattro telecamere di sorveglianza” di altrettanti negozi del quartiere: ma la polizia egiziana “non ha ancora chiesto le registrazioni video”. Mentre indiscrezioni trapelate sull’autopsia del ragazzo – stavolta esclusiva dell’agenzia Reuters – hanno fatto emergere nuovi agghiaccianti dettagli delle torture subite da Regeni: il corpo, tra le varie sevizie purtroppo già note, presentava sette costole rotte e segni di scosse elettriche sui genitali.

Lo ‘scoop’ del Nyt è arrivato nel giorno in cui gli attivisti egiziani hanno denunciato nuovi casi di ‘desaparecidos’: 66 nel solo mese di gennaio – e “43 casi di sospette torture in carcere” – che si vanno ad aggiungere alle centinaia di casi dell’ultimo anno. E all’indomani delle vibranti proteste di piazza dei medici contro la brutalità della polizia. I funzionari della sicurezza egiziana citati dal New York Times hanno affermato che Regeni “è stato preso” da alcuni agenti il 25 gennaio, il giorno appunto della sua scomparsa. Una volta fermato, il ragazzo avrebbe reagito “bruscamente”, comportandosi “da duro”. Tutti e tre i funzionari, intervistati separatamente, hanno riferito che Regeni aveva sollevato sospetti a causa di contatti trovati sul suo telefono di persone vicine ai Fratelli Musulmani e al Movimento 6 Aprile. Chi ha fermato Regeni “ha pensato fosse una spia: chi viene in Egitto a studiare i sindacati?”, hanno aggiunto le fonti. I Fratelli musulmani egiziani sono stati bollati come organizzazione terroristica dopo la destituzione del presidente Mohamed Morsi nell’estate del 2013. Mentre i leader del Movimento 6 Aprile, protagonista della cacciata di Hosni Mubarak, sono in carcere per le proteste anti-governative di fine 2013 contro la legge che limita le manifestazioni, definita “liberticida” dagli attivisti. Il New York Times cita poi “diversi testimoni” che raccontano che intorno alle 7 di sera del 25 gennaio due agenti in borghese davano la caccia ad alcuni giovani nelle strade, nelle stesse ore della scomparsa di Regeni. Secondo un ulteriore testimone, i due agenti “hanno fermato l’italiano”. “Uno gli ha perquisito lo zaino, mentre l’altro gli ha controllato il passaporto. Quindi lo hanno portato via”. Uno dei due “era già stato visto nel quartiere in diverse precedenti occasioni, e aveva fatto domande su Regeni”.

Il legale della famiglia del ricercatore friulano, Alessandra Ballerini, ha invitato però alla cautela: “E’ difficile avere riscontri su testimonianze egiziane, dobbiamo fidarci delle fonti ma intanto viene pubblicato di tutto”, ha detto, esprimendo fiducia nelle indagini condotte dalla Procura di Roma. Dopo le rivelazioni del Nyt il Movimento 5 Stelle è insorto: il portavoce Manlio Di Stefano ha chiesto un Commissione d’inchiesta Onu per accertare fatti e responsabili, intimando al governo di interrompere immediatamente ogni relazione diplomatica con l’Egitto. Mentre Alessandro Di Battista ha definito “vergognoso che notizie su Regeni ci arrivino da media stranieri. Italia da zerbino europeo a tappeto arabo”, ha twittato. Al Cairo intanto il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha sottolineato che nei colloqui con Roma “non viene sollevata una simile illazione o accusa”, ovvero il coinvolgimento di forze di sicurezza egiziane nella morte di Regeni. Il ministro poi ha avvertito: l’Egitto ha un numero “molto alto” di “emigrati in Italia” che, da vittime, “affrontano quotidianamente un’attività criminale”. “Se facessi illazioni che quell’attività criminale è in qualche modo connessa al governo italiano, sarebbe molto difficile condurre relazioni internazionali”. Proseguono infine le indagini. La perizia medico-legale egiziana sulla morte di Regeni è stata consegnata alla Procura di Giza, che ha deciso di non renderla pubblica, almeno per il momento, a causa del carattere di “segretezza delle indagini sul caso”. Eppure in serata sono arrivate le indiscrezioni della Reuters, che cita una fonte medico-legale non essendo in possesso del documento. In Italia, il pm Sergio Colaiocco, titolare dell’inchiesta, ha ascoltato la sorella di Giulio, Irene, e un’amica, entrambe nella qualità di persone informate sui fatti. Il Ros e lo Sco avrebbero inoltre acquisito materiale informatico.

Ti potrebbero interessare anche:

MALTEMPO/ Mezzo metro di neve sul Gran Sasso
PD/ Civati, Renzi cambi toni e non arrivi ad un confronto western
La Nuvola di Fuksas è quasi pronta. L'archistar in tv, non sanno che farsene
Bruxelles, 100 persone fermate durante due cortei non autorizzati
E' morta la stilista Laura Biagiotti, "regina del casmere"
Orban, Parlamento Ue approva sanzioni contro Ungheria



wordpress stat