| categoria: attualità

Regeni, si indaga su 30 contatti: il lavoro di Giulio alla base del delitto

Giulio Regeni, le indagini sulla sua morte al Cairo proseguono

Una trentina tra amici, colleghi e professori universitari: sono i contatti via Skype e Facebook con i quali Giulio Regeni aveva rapporti quotidiani dal Cairo e sui quali ora si concentra l’attenzione degli inquirenti italiani per ricostruire la ‘rete’ delle relazioni del ricercatore friulano. E, soprattutto, per capire chi in quella rete potrebbe averlo portato, indirettamente, alla morte. Perché chi sta cercando di dare un nome e un volto a chi lo ha brutalmente picchiato e torturato, ha raggiunto la ragionevole certezza che Regeni sia stato ucciso per le informazioni raccolte nel suo lavoro. Informazioni che qualcun altro potrebbe aver commissionato per altri scopi o utilizzato per passarle ad altri soggetti.

Ti potrebbero interessare anche:

Pdl-Lega ancora alla ricerca di un'intesa. Il Cavaliere: punto al 40% dei voti
La Lav contro Gucci e Blumarine: sostanze tossiche nelle pellicce per bambini?
PISTORIUS/Processo rinviato al 19 agosto. Intanto arriva lo speciale su Cielo TV
Cantone difende la Bindi: la Camorra a Napoli é ancora viva
Bruxelles riparte tra allarme rosso e caccia ai kamikaze
IL CASO/ Soro, garante della privacy: urgente una educazione web



wordpress stat