| categoria: Cultura, Senza categoria

TEATRO/ Nerone si fa rock, arriva l’opera ispirata all’imperatore romano

Nell’estate 2016 Nerone infiammerà ancora Roma. A suon di musica. Il controverso e leggendario imperatore della dinastia giulio-claudia sarà infatti – a partire dal prossimo giugno – l’assoluto protagonista di ‘Divo Nerone – Opera Rock’, uno spettacolo musicale firmato da Artisti Associati&Partners in partnership con Ernesto Migliacci che ne curerà la produzione artistica per Dueffel Music e Amygdala. Per la prima volta si uniranno in un poker d’assi tricolore il vincitore di due Grammy Awards, Franco Migliacci, il regista e coreografo Gino Landi, il tre volte Premio Oscar, Dante Ferretti, e la costumista anche lei vincitrice del Premio Oscar, Gabriella Pescucci. I casting di ‘Divo Nerone’ sono iniziati lunedì scorso e si concluderanno il prossimo 22 febbraio al Teatro Greco di Roma, per poi riprendere, nelle settimane successive, a Londra e New York. «È l’eccellenza del made in Italy portata sul palcoscenico. L’idea di averla fatta anche in inglese è una scelta vincente perché porterà tanta gente dall’estero a vedere lo spettacolo», ha dichiarato Jacopo Capanna, fondatore di Artisti Associati&Partners negli anni ’80, oggi affiancato da Cristian Casella. «La formula vincente di quest’opera è la somma delle grandi eccellenze artistiche che collaborano al progetto e lo spirito con il quale i maestri Migliacci e Landi hanno deciso di selezionare dei talent – ha sottolineato Casella – È un’opera democratica come lo era Nerone, proprio per questo abbiamo deciso di non puntare su nomi di cartello ma sui nuovi talenti. È un’opera per tutte le persone che amano l’arte e lo spettacolo».
«La personalità di Nerone ti contagia, un po’ tutti ci rivediamo in lui – ha sottolineato, invece, Franco Migliacci – La fobia che aveva l’imperatore romano di stare sul palcoscenico, di suonare, cantare e intrattenere la gente ce l’abbiamo un po’ tutti noi. Per far capire ai giovani d’oggi una personalità di quell’epoca, bisogna che lo si rappresenti attraverso un linguaggio musicale più moderno, per questo abbiamo scelto il rock». Grande attesa per i costumi e la scenografia di quest’opera colossale. «Essendo principalmente un musical rock ed essendo il rock un’espressione di grande vitalità e libertà, voglio anch’io sentirmi libera nella creazione dei costumi», ha detto Gabriella Pescucci. «Abbiamo pensato ad una scenografia molto, molto grande, su un palcoscenico che dobbiamo fare di 80 metri di lunghezza e 60 di profondità – ha spiegato Ferretti – Seguirà un po’ la musica, tutto sarà in continuo movimento e cambierà in base ai movimenti degli attori». «Nerone è un personaggio con una grande storia ed è piacevole metterlo in scena – ha commentato Landi – È ancora troppo acerbo parlare dello spettacolo perché è un progetto in divenire ma siamo una grande compagnia, circa 45 persone, ed abbiamo trovato grandi adesioni da parte del pubblico e anche da chi fa questa professione. Come location, speriamo che ci sia concessa la Domus Aurea».

Ti potrebbero interessare anche:

Nord Corea, 15 anni di lavori forzati ad un americano
Il degrado di Fontana di Trevi, uno shock per i turisti. Ma i vigili....
FROSINONE/ Nas al Pronto Soccorso trovano pazienti in corridoio e salma in sala visite
FRANCIA/ Trierweiler, Hollande "Mi manda messaggi d'amore"
SCHEDA/ Una lobbysta di troppo in Vaticano
Due bambini trovati morti a Trento, il padre si suicida



wordpress stat