| categoria: politica

RIFORME/ Boschi, se perdiamo il referendum naturale e serio non continuare

«Credo che ci siano dei punti di forza che porteranno a scegliere queste riforme in autunno, ma se dovessimo perdere il referendum, ci è sembrato serio e del tutto naturale dire che non potremo continuare il nostro impegno politico facendo finta di nulla, perché il nostro impegno al governo ha senso se è a servizio di un progetto di cambiamento». Lo ha detto il ministro delle Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, parlando del referendum costituzionale, davanti agli studenti della Johns Hopkins University di Bologna. «Se questo processo di cambiamento non convincerà gli italiani, faremo altro – ha aggiunto il ministro – non è obbligatorio fare politica per tutta la vita». «Siamo consapevoli che l’esito del referendum non è scontato – ha concluso Boschi – ma è un elemento di serietà dire che ci si mette in gioco e in discussione e che quel potere, che per un periodo limitato possiamo avere, è a servizio di un’idea, e non è per sempre, né scontato».

Ti potrebbero interessare anche:

Applausi e proteste per Kyenge in Calabria
EUROPEE/ Il Cavaliere e il rebus delle liste, alta tensione sulla esclusione di deputati in carica
FOCUS/ Pd-Fi trattano sulla clausola 2016. Renzi, no ai ricatti
Madia, per gli statali il reintegro è la regola generale
Cav-Salvini, ancora tensione ma si cerca il filo del dialogo
Conte parla alla Camera: Fdi assente, Lega abbandona l'Aula



wordpress stat