| categoria: sanità

ZIKA/ Virus in liquido amniotico, studio rafforza tesi legame con la microcefalia

La presenza del virus Zika è stata rilevata nel liquido amniotico di due donne che durante la gravidanza hanno avuto i sintomi tipici dell’infezione e i cui feti mostravano segni di microcefalia. La scoperta è di un team di scienziati brasiliani. Lo studio, pubblicato su ‘Lancet Infectious Diseases’, secondo gli autori rafforza la tesi di un possibile legame fra Zika e la nascita di bebè con il difetto neurologico. Anche se gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità continuano a mantenere cautela in attesa di raccogliere più informazioni ed evidenze sull’associazione. E intanto la caccia alla ‘pistola fumante’ che inchioderebbe il virus continua. Le due donne dello Stato del Paraiba arruolate nel nuovo studio brasiliano hanno avuto rispettivamente alla decima e alla 18esima settimana di gravidanza febbre, rash cutaneo e dolori muscolari. Sintomi tipici del virus. Successivamente l’ecografia ha rilevato la presenza di microcefalia nel feto. Così gli scienziati hanno deciso di procedere con un’amniocentesi per prelevare un piccolo campione del liquido amniotico in cui si sviluppa il bebè nel grembo materno. L’analisi genetica del liquido ha confermato la presenza del virus Zika, escludendo altri agenti patogeni presenti sul territorio. La scoperta, spiega la ricercatrice Ana de Filippis dell’Istituto Oswaldo Cruz di Rio de Janeiro, «suggerisce che il virus potrebbe attraversare la barriera della placenta e potenzialmente infettare il feto».

Ti potrebbero interessare anche:

La coscienza della cura, focus sui pazienti in stato vegetativo
LOMBARDIA/ La rivolta dei privati contro i tagli dei fondi: già 57 ricorsi al Tar
Fadda, impegno a prorogare i contratti sanitari precari
LEA, Marche al top nella classifica del ministero
Vaccini: tsunami di certificati per l'apertura delle scuole
Coronavirus/ Zingaretti: "Vaccino Spallanzani sia bene comune"



wordpress stat