| categoria: economia

COMMERCIO/ Discount +3,4%. Addio botteghe (-0,4%)

«Le piccole botteghe alimentari sono gli unici esercizi commerciali a fare registrare un calo delle vendite (-0,4%) sotto la pressione della crescita del 3,4% dei discount alimentari, la più rilevante tra le diverse forme distributive». È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati sul commercio al dettaglio dell’Istat 2015, durante il quale l’aumento delle vendite nel comparto alimentare è stato dell’1,3% più del doppio della media (+0,7%). La tendenza di un crescente segmento della popolazione ad acquistare prodotti alimentari a basso prezzo nei discount, a cui però può corrispondere anche una bassa qualità, sottolinea la Coldiretti, spinge la riduzione delle vendite nei negozi tradizionali; il risultato sono gli effetti negativi legati alla riduzione dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell’intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza sociale dei centri urbani. A contrastare lo spopolamento dei centri urbani va segnalata peraltro la crescente presenza del commercio ambulante anche attraverso i mercati degli agricoltori di Campagna Amica.

Ti potrebbero interessare anche:

Ilva, sì al supercommissario: tra un anno Stato al 49% e Mittal-Marcegaglia al 51%
Confindustria: ripresa innescata, pil +0,2% nel primo trimestre
Alfa Romeo Giulia, la Quadrifoglio costa 79.000 euro
FISCO/ Verso 90mila domande per Voluntary Disclosure, attesi 3,4 miliardi
Per dieci milioni di donne rinunce sul lavoro a causa della famiglia
Via alla privatizzazione Enav, introito possibile 800 milioni



wordpress stat