| categoria: Dall'interno

Cassazione assediata da 80mila ricorsi, serve un decreto per frenare arretrato e impugnazioni

Cassazione sotto assedio: troppi i ricorsi presentati, circa 80mila ogni anno, così tanti da aver messo in ginocchio l’efficienza della Corte suprema italiana. L’unica via d’uscita per evitare un vero e proprio «default» dei giudici di legittimità delle sentenze emesse dalla magistratura ordinaria è quello di adottare «provvedimenti urgenti» con un decreto legge. Ad alzare bandiera banca è il primo presidente del Palazzaccio, Giovanni Canzio, che ha parlato dell’emergenza in atto alla presenza del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel corso di un convegno nell’Aula Magna del Palazzaccio a piazza Cavour a Roma.
«La Cassazione versa in una seria crisi, assediata da un numero mostruoso di ricorsi, con 80mila nuovi ricorsi ogni anno. Questo flusso è patologico: il carico della Corte rispetto ad altri Paesi del mondo ha assunto dimensioni strabilianti che mettono in forse i valori della democrazia» ha spiegato Canzio sollecitando con toni drammatici «pochi, semplici ma incisivi interventi» intervenendo con un provvedimento urgente sia sull’arretrato civile sia sul sistema delle impugnazioni, nel caso al Senato continui l’impasse sul ddl sul processo penale che la prevede.
Quanto al civile, vengono iscritti ogni anno 30mila processi, mentre quelli pendenti sono ben 105mila e il 48% sono cause che riguardano lo Stato. La durata dei procedimenti civili supera i quattro anni. Particolarmente grave la situazione del contenzioso tributario: la metà delle pendenze civili riguarda proprio la sezione tributaria, a cui arrivano 11mila nuovi ricorsi l’anno.

Ti potrebbero interessare anche:

Meteo, nuova ondata di maltempo: venti forti e nubifragi da Nord a Sud
CASERTA/ Corruzione, arrestati anche il direttore amministrativo e il responsabile dell'ufficio lega...
Ariccia, torna la maledizione del “ponte dei suicidi”: scultore scavalca e si toglie la vita
Caso Ciro Esposito, Procura di Roma chiede ergastolo per De Santis
Maltempo nello Spezzino: allarme rosso, chiudete tutto
Saviano condannato per Gomorra



wordpress stat