| categoria: attualità

Reggia di Caserta, la Uil sospende i sindacalisti contro il direttore “che lavora troppo”

«Lavorare e lavorare bene è un dovere: chi non lo comprende può considerarsi fuori dalla nostra Organizzazione». È quanto dichiara il segretario della Uil, Carmelo Barbagallo, intervenendo sulla polemica sollevata dai alcuni sindacalisti in rappresentanza dei lavoratori della Reggia di Caserta contro il direttore del Mauro Felicori del bene culturale campano che, a loro dire, ‘lavora troppò. «La Uil, che non era a conoscenza dello scambio epistolare tra le Rsu e il Ministero (fatto assolutamente inaccettabile), procederà intanto alla sospensione di tutti i propri sindacalisti coinvolti» sostiene Barbagallo. «Faremo le nostre verifiche e agiremo contro i responsabili di questa incredibile e incresciosa vicenda che danneggia, innanzitutto, quei milioni di lavoratori pubblici che onestamente fanno il proprio dovere per lo sviluppo del Paese» conclude Barbagallo.

Ti potrebbero interessare anche:

Allarme Grecia, non abbiamo più i soldi per pagare la rata del prestito Fmi
Morti sul lavoro, 1 su 5 causata dai trattori
SCHEDA/ Ferrotramviaria Spa è un operatore privato
CISTERNA DI LATINA/ Antonietta non sa ancora nulla
Viadotti A24-A25, il ministero: «Strada dei Parchi limiti traffico pesante»
Reddito di cittadinanza, in un mese presentate oltre 853mila domande



wordpress stat