| categoria: Roma e Lazio

PD/ IL circolo “ribelle” di Donna Olimpia, per noi oggi è festa

Cornetti, bombe, caffè e cappuccini. Per il circolo di Donna Olimpia a Monteverde a Roma, quello che nelle cronache è ormai diventato il circolo dei ribelli, escluso come sede dalle primarie «per aver rifiutato la riorganizzazione del partito e la sfiducia al sindaco Marino», dicono gli iscritti, è comunque festa. «Siamo tranquilli ed entusiasti ed invitiamo tutti quelli che entrano qui a votare nel gazebo che purtroppo è stato allestito qui di fronte e non all’interno del circolo». A parlare è un iscritto, Bernardo Gialanella. «Vogliamo che le primarie vadano bene perché noi siamo del Pd – spiega – non diamo indicazioni per chi votare. Noi siamo del Pd, ribadiamo forte, lo abbiamo fondato e Orfini se non la pensa così ci deve cacciare». Insieme a lui c’è il deputato Marco Miccoli, che dall’inizio è stato dalla parte del ‘circolo ribelle’: «Giachetti ha detto che vota dove il partito allestisce i seggi e che non può votare in un bar o altrove. Forse ha voluto fare una spiacevole allusione al fatto che qui stiamo facendo la colazione democratica, ma gli rispondiamo che questo che lui chiama bar è una sezione che ospitava la Casa del fascio e che è stata liberata dagli antifascisti nel 1945». Miccoli va giù duro quando dice che «Orfini è il vero dissenziente del Pd perché per lui questa è una festa divisiva. Noi lavoriamo per l’unità e ai compagni che stanno facendo volontariato qui fuori nel gazebo dico che sbagliano a non ribellarsi, ma sono i nostri compagni».

Ti potrebbero interessare anche:

FIUMICINO/ Montino, se eletto rinuncio al compenso di sindaco
La Regione si muove. Riunite nell'Astral tutte le attività legate alla mobilità? Comunità montane ad...
INFERNETTO/Papa: Conoscete cosa avete nel cuore, le parole possono uccidere
Pisana, i grillini vogliono la documentazione sulle spese del Consiglio
Stadio: Raggi,città e As Roma parte lesa. "Querelo tutti i giornali"
IN PRIMO PIANO/ Roma in caduta libera



wordpress stat