| categoria: gusto

Consumi: dieta mediterranea, gli Usa sorpassano l’Italia

Gli Stati Uniti sorpassano l’Italia e conquistano la leadership nella dieta mediterranea, con il primato mondiale nei consumi di vino e di conserve di pomodoro, mentre salgono sul podio per quello di olio di oliva, dopo Italia e Spagna. E’ quanto emerge da un’ analisi della Coldiretti, dalla quale si evidenzia come “la rivoluzione in atto nei consumi mondiali stia sovvertendo i luoghi comuni, anche con l’affermarsi di stili alimentari estranei al patrimonio culturale e produttivo dei diversi Paesi”.

Il mercato Usa – sottolinea la Coldiretti – è diventato quello a più forte consumo di vino, e con 30,7 milioni di ettolitri sorpassa Francia e Italia che si attestano rispettivamente a 27,9 e 20,4 milioni di ettolitri. Nel 2015, con un consumo di 308 milioni di chili, gli americani – continua la Coldiretti – salgono a sorpresa anche sul podio dei consumi di olio di oliva, dietro solo ad Italia (in calo a 580 milioni di chili) e Spagna (ugualmente in flessione a 478 milioni di chili). Negli ultimi dieci anni – precisa Coldiretti -, negli Stati Uniti sono aumentati i consumi di vino del 15% e quelli di olio del 38%, mentre in Italia si è verificato un calo rispettivamente del 24% e del 31%.

Gli Stati Uniti – continua la Coldiretti – sono anche in testa nella classifica dei consumatori mondiali di conserve di pomodoro. Un risultato acquisito in realtà soprattutto grazie all’abitudine di condire i cibi con il Ketchup, anche se è in forte crescita il mercato di derivati come passata o pelati.

Nel tempo della globalizzazione – sottolinea Coldiretti -, si assiste alla presenza di un numero crescente di consumatori che premia la dieta mediterranea, che ha ottenuto tra l’altro l’iscrizione, il 16 novembre 2010, nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco. Un’ attenzione – conclude Coldiretti – che in realtà si deve proprio ad un americano. Lo scienziato del Minnesota Ancel Keys che da Acciaroli nel Cilento, dove visse per 40 anni, studiò per primo gli effetti benefici della dieta mediterranea.

Ti potrebbero interessare anche:

Sulla scalinata del Pincio a maggio le Olimpiadi del gelato artigianale
NATALE/ Il dono eno-gastronomico: gusto, risparmio, originalità...e l'economia gira
Apre Cioccolatò, Torino diventa capitale dei golosi
Uno studio riabilita la carne rossa, ha sostanze buone e poco colesterolo
Food blogger italiani 'valgono' quasi 3 milioni di euro
Stop ai falsi Prosecco e parmesan, Italia ha record eliminazioni su web



wordpress stat