| categoria: sanità Lazio

La radiologia digitale sbarca negli ospedali pontini

La radiologia digitale è arrivata nell’ospedale di Terracina e molto presto arriverà anche nel resto della provincia di Latina. Ad annunciarlo è il candidato sindaco del Pd Alessandro Di Tommaso “Dopo lo sblocco del turn over e le conseguenti nuove assunzioni e lo stanziamento di fondi destinati agli ospedali di Latina e provincia, tra cui anche quelli per il miglioramento degli impianti antincendio, arriva dalla Regione Lazio un’altra bella notizia che riguarda la sanità pontina- spiega Di Tommaso- Si tratta della imminente istallazione di un nuovo sistema informatico radiologico con sistema di archiviazione e trasmissione delle immagini che si può sintetizzare in due acronimi: Ris (Radiological Information Sistem – sistema informatico radiologico) e Pacs (Pictur Archiving and Comunication Sistem – sistema di archiviazione e trasmissione delle immagini)”. Si tratta di un sistema che già attivo a Terracina, dal prossimo 30 aprile dovrebbe essere esteso sull’intero territorio provinciale.

“Il Ris e il Pacs costituiscono una vera rivoluzione innovativa perché si passa dalla radiologia tradizionale o analogica, cioè la vecchia pellicola radiologica e il referto cartaceo alla radiologia digitale dove il trasferimento delle immagini e del referto avviene via cavo o attraverso un dvd. Insomma sparisce il vecchio archivio e tutto si racchiude in più server”.

“Le immagini potranno finalmente essere trasmesse attraverso la rete internet ed intranet, tenendo conto che gli ospedali di Latina, Terracina, Fondi e Formia sono già in rete anche tutte le radiologie territoriali e gli ambulatori della Asl Latina- continua il candidato del Pd- Il che significa che con il Ris e i Pacs è possibile consultare l’archivio da qualsiasi postazione, quindi se un paziente esegue un esame a Latina potrà agevolmente fare il controllo a Terracina poiché le immagini delle radiografie sono accessibili da tutto il territorio di competenza della Asl pontina. Inoltre, le immagini potranno essere viste via cavo anche dai reparti dello stesso ospedale, mentre i server archivieranno immagini e referti consultabili in tempi rapidissimi”.

Sburocratizzazione delle procedure di analisi dei referti, il conseguente miglioramento dell’offerta sanitaria e il risparmio della spesa: questi i vantaggi che si avranno secondo Alessandro Di Tommaso.

Ti potrebbero interessare anche:

Il pasticcio dell'Ares 118- 1/ Zingaretti si affida all'ex subcommissario Spata
Ennesimo rinvio della Commissione Sanità, Zingaretti teme il confronto
Ok dalla Regione per potenziare la radioterapia al Goretti
Consegnati i locali del nuovo centro di cure primarie di Bolsena
Terzo rapporto sui tumori maligni della Tuscia, 10mila casi in più in un quinquennio
ASL ROMA 6/Connectoma, presentato il progetto di digitalizzazione sanitaria



wordpress stat