| categoria: sanità Lazio

Accordo Gemelli-Fir per assistenza eventi sportivi internazionali a Roma

In campo per la salute e la sicurezza. La Federazione Italiana Rugby e la Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli hanno sottoscritto una convenzione biennale per la gestione di tutte le attività mediche di emergenza sanitaria e di pronto soccorso per gli spettatori, gli atleti, i loro accompagnatori e il personale in servizio durante gli eventi internazionali organizzati dalla Fir Roma.

Alla firma della convezione al Gemelli sono intervenuti il direttore generale Enrico Zampedri e il vicepresidente della Fir Antonio Luisi, accompagnato dal manager della squadra nazionale Luigi Troiani e da una rappresentanza di atleti dell’Italrugby, con gli azzurri Leonardo Ghiraldini, Luca Morisi e Andrea Pratichetti, in raduno a Roma in questi giorni per preparare le ultime due gare dell’Rbs 6 Nazioni 2016.

“La Nazionale rappresenta una delle eccellenze sportive del nostro Paese – afferma Luisi – e riteniamo la collaborazione con il Policlinico Gemelli coerente con l’obiettivo di gestire ogni situazione relativa agli azzurri al massimo livello possibile. Il Gemelli è una struttura all’avanguardia e siamo entusiasti di poter proseguire in modo ancor più strutturato il percorso di collaborazione avviato in questi anni”.

“La firma di questo accordo – sottolinea Zampedri – ci sta particolarmente a cuore perché suggella l’amicizia con la Fir ed è un riconoscimento ulteriore delle competenze e delle esperienze che il nostro team dell’area di rianimazione, pronto soccorso e Trauma center assicura non solo agli atleti di eccellenza, ma a tutti i partecipanti, giovani e famiglie, che affollano le manifestazioni sportive che si svolgono tra lo Stadio Olimpico e il Foro Italico anche in altre importanti occasioni quali le partite di calcio della AS Roma negli scorsi anni e gli Internazionali di tennis”.
A riassumere lo sforzo organizzativo del Policlinico Gemelli in occasione degli appuntamenti della Nazionale, non solo il 6 Nazioni ma anche i test match che partiranno da settembre, dopo la firma dell’accordo tra Fir e Fondazione Policlinico Gemelli, è Giorgio Meneschincheri responsabile medico, direttore relazioni esterne del Policlinico Gemelli: “Il servizio sanitario durante le partite della Nazionale di rugby è composto da circa 110 persone tra medici, soccorritori e infermieri, e ben 19 punti di soccorso, ovvero le infermerie, dislocate all’interno dello stadio Olimpico”.

Dopo la firma della convenzione, gli atleti dell’Italrugby hanno fatto visita ai piccoli pazienti nei reparti di oncologia pediatrica e di neurochirugia infantile del Gemelli, portando doni e sorrisi ai bimbi ricoverati e ai loro familiari. “Qui sono venuti altri miei compagni in passato per salutare i ragazzi, alle volte hanno dato più carica loro a noi che noi a loro -sottolinea Ghiraldini-. Sicuramente vivono un momento difficile, momenti molto difficili e toccanti e siamo contentissimi di dare una piccola mano con due regali e due battute che possono aiutare a strappargli un sorriso”.

Ti potrebbero interessare anche:

Il candidato Zingaretti: no ai tagli dei posti letto
IL PERSONAGGIO/Il super-commissario dell'Idi? E' un big della Santa Sede
QUI-PISANA/ Gramazio (Pdl):Zingaretti si attribuisce risultati non suoi
Studi medici aperti nel weekend, le info arrivano sul cellulare
Licenziati 21 addetti alle pulizie al San Camillo: è diminuito il lavoro
Ambulatori cure primarie e pediatrici Lazio aperti 25 aprile e 1° maggio



wordpress stat