| categoria: sport

Fiorentina, beffa all’86’, Champions si allontana

A 4′ dalla fine la Fiorentina, in vantaggio grazie a Zarate, ha subito il gol del Verona. A quel punto la squadra viola, già apparsa svuotata nelle prime battute, non ha avuto la forza e la rabbia per riuscire a ribaltare un risultato che l’allontana ancor più dal 3ø posto, distante adesso cinque punti dopo il successo della Roma in casa dell’Udinese. Ma non solo: i viola sono appaiati con l’Inter che vittoriosa ieri sera sul Bologna li ha raggiunti in classifica. Insomma, una domenica da dimenticare per la squadra di Sousa attesa al riscatto dopo la disfatta coi giallorossi di 10 giorni fa. Invece contro l’ultima in classifica la Fiorentina, che ha perso Tomovic nei primi minuti (trauma al ginocchio sinistro, domani gli accertamenti) ha mostrato di essere in grossa difficoltà, fisica ma anche mentale. A tutto ciò s’aggiungono anche le scelte del tecnico portoghese apparse poco convincenti: come schierare un abulico Babacar al posto di Kalinic, come rilanciare Pasqual che nel giorno del suo 34ø compleanno ha perso Pisano sull’azione del pareggio dei veneti. I quali, scesi in campo con il solo intento di limitare i danni, hanno avuto un sussulto di orgoglio nella ripresa, grazie anche ai cambi di Del Neri. Il primo tempo, brutto e senza emozioni, è scivolato via fra gli sbadigli dei 33.000 presenti (fra i quali Andrea Della Valle e Daniel Passarella). Ma se per il Verona imbottito di ex poteva essere prevedibile una prestazione guardinga, non così per questa Fiorentina che pur priva dei centrocampisti titolari Badelj e Vecino e con Gonzalo Rodriguez lasciato in panchina, avrebbe dovuto cercare da subito di mettere le mani sul match per continuare la corsa al 3ø posto. Invece mai una scintilla, mai un affondo. In mezzo ad alcuni fischi (che saranno più numerosi alla fine) la squadra viola s’è resa pericolosa solo al 40′ quando Zarate ha tradotto in rete un cross di Tello con deviazione di Bianchetti. Nella ripresa il Verona ha preso coraggio mentre la Fiorentina ha commesso l’errore di non cercare il raddoppio con insistenza e intensità anche per il calo evidente di Tello e il mancato apporto di Bernardeschi entrato per Tino Costa. Così il pareggio era nell’aria: dopo una punizione di Marrone e una zampata di Toni respinte da Tatarusanu e un sospetto fallo da rigore di Astori su Rebic, è arrivata l’inzuccata vincente di Pisano su corner del neo entrato Emanuelson. Una doccia gelata sulla Fiorentina che ha rischiato addirittura di capitolare con Siligardi e s’è vista negare il 2-1 al 49′ da Gollini, strepitoso sul tiro a girare di Kalinic. Poi solo fischi.

Ti potrebbero interessare anche:

Inter frena sotto gli occhi di Thohir, pari con il Cagliari
NUOTO/ Super Magnini e la 4X100 è di bronzo. Tris della Cagnotto
Niente sconto. Alex Schwazer terminerà la sua squalifica il 29 aprile 2016
EUROPA LEAGUE/ La Lazio vince e passa, pari prezioso della Fiorentina
Ciclismo, impresa di Filippo Ganna: oro mondiale a Londra
CROTONE SUPER A VERONA, PECCHIA VERSO L'ESONERO



wordpress stat