| categoria: salute, sanità

Oltre un terzo dei pronto soccorso non è a misura di bimbi

Il 38 per cento dei pronto soccorso degli ospedali italiani non ha la possibilita’ di fornire assistenza pediatrica d’emergenza ai bambini perche’ sprovvisti di una guardia che svolge attivita’ diretta o indiretta per il pronto soccorso. Il dato emerge da un’indagine condotta in occasione del venticinquesimo anniversario dalla nascita della Societa’ italiana di Medicina, di Emergenza e Urgenza pediatrica (Simeup) in 188 ospedali italiani per verificare l’organizzazione dell’assistenza in emergenza-urgenza ai bambini.

“Il triage, che rappresenta una delle fasi piu’ delicate dell’assistenza dell’emergenza, e’ affidato molto spesso a personale del pronto soccorso generale (78 per cento dei casi) e non a quello pediatrico” sottolinea il presidente della Simeup Riccardo Lubrano. “Il bambino necessita invece di un approccio pediatrico costante e, solo quando questo non e’ possibile si dovrebbe far ricorso a personale non specializzato. Dall’indagine, continua Lubrano, emerge inoltre che solo 1/3 delle strutture esaminate puo’ fornire assistenza semi intensiva pediatrica”.

Ti potrebbero interessare anche:

Come correggere sul campo da calcio i movimenti di un soggetto con disabilità intellettive
Nas, accertamenti in corso su tre casi simili a Stamina
L'influenza rovina il Capodanno a 200.000 italiani
SICILIA/ L'assessore alla sanità firma il decreto per ottimizzare le rete neonatale
Da Gb allarme per nuova moda chemsex, sesso e droga insieme
Ogni anno cento "baby-case", risarcimenti per danni alla nascita



wordpress stat