| categoria: esteri, Senza categoria

Siria, rapporto sulla guerra: quasi 1.500 morti per attacchi chimici in 5 anni

Centosessantuno attacchi con armi chimiche; oltre 1400 morti e circa 14.600 feriti. Sono i drammatici numeri causati dalla guerra in Siria, iniziata cinque anni fa. A mettere insieme i dati è un rapporto della Syrian American Medical Society (Sams), dal titolo ‘A New Normal: Ongoing Chemical Weapons Attacks in Syria’. Secondo il documento, il bilancio preciso è di 1.491 morti e 14.581 feriti per esposizione a sostanze chimiche nocive. Il rapporto è stato stilato grazie ai resoconti di prima mano dei medici e dei lavoratori del settore sanitario. Oltre ai 161 attacchi chimici documentati, la fondazione Sams ha individuato 133 casi di presunti attacchi chimici che però non è stato possibile confermare come tali. Il gruppo sottolinea che il 77% dei 161 attacchi confermati è avvenuto dopo l’approvazione della risoluzione 2118 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite a settembre del 2013, che ha fissato una cornice per la distruzione delle scorte dichiarate di armi chimiche della Siria. Inoltre almeno 58 attacchi al gas cloro, pari al 36% del totale degli attacchi chimici confermati, è avvenuto dopo la risoluzione 2209 del Consiglio Onu, che condanna l’uso del gas cloro come arma in Siria. L’anno con il maggior numero di attacchi chimici in Siria finora è stato il 2015, con 69 casi confermati. Riprendono i negoziati a Ginevra Intanto i negoziati indiretti tra il regime siriano e l’opposizione riprenderanno oggi a Ginevra, con la mediazione delle Nazioni Unite, per mettere fine alla guerra in corso dal marzo 2011. L’inviato dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha precisato nei giorni scorsi che i colloqui non dureranno più di 10 giorni e che l’agenda prevede la discussione di “tre questioni: un nuovo governo inclusivo, una nuova Costituzione e nuove elezioni”, con l’obiettivo di portare i siriani alle urne entro 18 mesi dall’inizio dei negoziati, ossia da oggi. I curdi potrebbero essere invitati a partecipare ai colloqui di riconciliazione siriani entro la fine del ciclo di negoziati. Lo ha riferito una fonte vicina ai negoziati: “Russi e americani hanno già concordato la partecipazione dei curdi ai colloqui di Ginevra. De Mistura avrà bisogno di soddisfare il desiderio delle parti e la decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Credo che i curdi saranno invitati per la fine di questo giro”. Ieri, i ministri degli Esteri di Stati Uniti, Italia, Francia, Germania e Regno Unito riuniti a Parigi hanno sollecitato le parti a tenere “veri negoziati”, accusando Damasco di voler “far fallire il processo negoziale” per aver posto come “linea rossa” la permanenza del presidente Bashar al Assad al potere. “Bashar al Assad è la linea rossa ed è competenza del popolo siriano”, ha detto due giorni fa il ministro degli Esteri di Damasco, Walid Muallem. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Siria-rapporto-sulla-guerra-quasi-1500-morti-per-attacchi-chimici-in-5-anni-9919be50-9271-45ea-9f2a-d3c4abd18407.html

Ti potrebbero interessare anche:

Trump attacca Clinton con parole volgari e maschiliste
Turismo: 33 milioni di fatturato 2015 (+1,7%) per Venezia Terminal
GB: NUOVO ALLARME SANITÀ, 'OSPEDALI SULL'ORLO DEL COLLASSO'
Macron alla Sorbona: esercito comune e procura europea anti-terrorismo
Oprah Winfrey pensa di candidarsi alla Casa Bianca
Coronavirus, in Brasile più di 1100 morti in 24 ore



wordpress stat