| categoria: Dall'interno

TANGENTI/ Giudici tributari, si indaga su “vertice allargato”

Il giudice tributario Luigi Vassallo, arrestato su richiesta dei pm di Milano Eugenio Fusco e Laura Pedio con l’accusa di essere il collettore delle mazzette per «aggiustare» processi in Commissione tributaria della Lombardia, potrebbe essere stato aiutato da altre persone. E anche loro al vertice di quella che, arresto dopo arresto, si è mostrata come una ‘cricca’ ben rodata nel supportare gli imprenditori che volevano sentenze favorevoli in cambio di tangenti. È l’ipotesi su cui, da quanto si è saputo, stanno lavorando gli inquirenti. In altri termini, Vassallo potrebbe avere avuto anche l’aiuto di una sorta di ‘regista’ capace di indirizzare il «sistema corruttivo». Finora, per quel che emerge dalle tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Manuela Cannavale, sarebbe stato Vassallo a dirigere le azioni degli altri giudici arrestati (Marina Seregni, Luigi Pellini, Gianfranco Vignoli Rinaldi) o indagati (Luigi Pinto) e lui si sarebbe spinto fino a scrivere anche le sentenze per loro. Le indagini, però, si starebbero indirizzando anche su altre figure di vertice, oltre che sul ruolo di presunti mediatori o «facilitatori» del sistema corruttivo. Dopo l’ex graduato della Guardia di Finanza Agostino Terlizzi, che avrebbe messo in contatto l’imprenditore Matteo Invernizzi con Vassallo dietro un compenso di 5mila euro, potrebbero essere coinvolti nell’inchiesta anche altri soggetti che avrebbero avuto il ruolo di procacciatori d’affari. Intanto, dagli atti emerge anche che Vassallo puntava a diventare anche giudice tributario in Cassazione. Mentre la sua segretaria, addirittura, durante una deposizione ha spiegato: «La sua attività principale consiste in quella di giudice tributario e intermediario per aggiustare i processi anche in Cassazione». Il gip sottolinea, infine, il profilo altamente «criminale» di Vassallo e spiega che la sua «rete di conoscenze» era estesa «in ambiti tali» da consentirgli di porre in essere una serie di atti contro la pubblica amministrazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Violenza sessuale su Sara Tommasi, due arresti
L'AQUILA/ I casalesi nella riscostruzione, sette arresti
Il sindaco (grillino) di Pomezia dichiara guerra alle prostitute. Multa di 166 euro a chi parla con ...
Bollo auto, prescritto fino al 2013
Famiglia rom con 2 milioni di euro (e una pista privata per i cavalli)
Guasto al locomotore, odissea per i passeggeri del Milano-Marsiglia



wordpress stat