| categoria: sanità, Senza categoria

Decreto per l’avvio dello screening neonatale avanza in Parlamento

Il decreto del ministro della Salute per l’avvio dello screening neonatale «costituisce precisa attuazione di una disposizione legislativa precettiva ad oggi in vigore». È la precisazione dello stesso ministero della Salute sul provvedimento, che sta ancora seguendo il suo iter. «L’articolo 1, comma 229, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 – spiega il dicastero in una nota – prevede che il ministro della Salute adotti un decreto ministeriale, sentiti l’Istituto superiore di sanità e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, per l’avvio, anche in via sperimentale, dello screening neonatale per la diagnosi precoce di patologie metaboliche ereditarie, per la cui terapia, farmacologica o dietetica, esistano evidenze scientifiche di efficacia terapeutica o per le quali vi siano evidenze scientifiche che una diagnosi precoce neonatale comporti un vantaggio in termini di accesso a terapie in avanzato stato di sperimentazione, anche di tipo dietetico». «Per il 2014 – si ricorda – il Parlamento ha stanziato 5 milioni di euro, divenuti 10 mln a decorrere dal 2015. In ossequio a quanto previsto dalla legge, il ministro della Salute, il 30 aprile 2015, dopo avere sentito l’Iss e acquisito il parere del Garante per la protezione dei dati personali, ha trasmesso alla Conferenza Stato-regioni, per il previsto parere, lo schema di decreto, il cui iter è in corso di definizione». La proposta di legge in materia di screening neonatale, di cui la senatrice Paola Taverna è prima firmataria, è stata approvata solo in prima lettura, in sede deliberante, dalla Commissione Sanità del Senato e assegnata alla Commissione Affari sociali della Camera. «Si tratta di un’iniziativa parlamentare su cui il Governo ha espresso parere favorevole durante l’esame al Senato, ma di cui a oggi non è possibile prevedere con certezza i tempi di approvazione definitiva», conclude il ministero. (

Ti potrebbero interessare anche:

Chiede di non fumare in metro, vigilessa picchiata da nomadi
Contraffazione, marche da bollo false a Roma. Undici misure cautelari
Record di giovani disoccupati: sono il 44,2%, mai così tanti dal 1977
Deficit di attenzione. L’epilessia triplica il rischio nei bambini
MOSTRA VENEZIA/ Gli italiani, un tris di outsider per il Leone
Rifiuti Roma, Bagnacani accusa: «Da Raggi pressioni sui conti Ama»



wordpress stat