| categoria: economia

Ennesimo pasticcio sul canone Rai in bolletta. Chi paga le società elettriche?

Il campanello d’allarme è scattato ieri mattina, quando un’agenzia di stampa ha battuto la notizia che nella bolletta elettrica, oltre al canone della Rai, sarebbe potuto finirci anche un compenso per le società elettriche che dovranno svolgere il servizio per conto della Tv pubblica. Per smentire il rumor che stava montando, è dovuto intervenire direttamente il sottosegretario allo Sviluppo economico, con delega sulle Comunicazioni, Antonello Giacomelli. Ma in realtà, la notizia conteneva almeno una parte della verità. Sulla strada che dovrà portare dal prossimo mese di luglio gli italiani a pagare il canone della televisione attraverso le bollette della luce, è rimasto in sostanza, un solo grande ostacolo. Nella bozza di decreto messo a punto dal ministero, all’articolo sei, è previsto che a rifondere i soldi in caso di errore, ossia nel caso in cui il canone sia addebitato sull’utenza di un consumatore, ma poi risulti non dovuto, sia l’impresa elettrica. Le società, in realtà, non hanno per nulla voglia di sobbarcarsi questo compito, perché costa in termini di denaro e di sforzo organizzativo.

IL DOCUMENTO Nelle settimane scorse avevano inviato anche un documento al governo, con il quale contestavano l’impostazione del decreto su questo punto chiedendo esplicitamente che la gestione dei rimborsi non fosse messa a loro carico ma fosse svolta direttamente dall’Agenzia delle Entrate. In realtà, da quanto è trapelato, nemmeno il Fisco ha una gran voglia di infilarsi nella questione dei rimborsi. Questo anche perché, la Ragioneria generale dello Stato avrebbe avvisato che, almeno in una fase iniziale, gli errori e i ricorsi da parte degli utenti potrebbero essere numerosi. Molto dipenderà da come funzionerà il Sii, il sistema informativo integrato, una super banca dati nella quale l’Agenzia delle Entrate dovrà far confluire i dati contenuti nell’Anagrafe tributaria sugli intestatari delle bollette elettriche, sulla composizione del nucleo familiare e sulla sussistenza di eventuali esenzioni dal pagamento. Si tratta della fase probabilmente più delicata dell’operazione canone in bolletta, perché ci sarebbero numerosi casi in cui l’intestatario dell’abbonamento Tv è un familiare, mentre la bolletta elettrica è in capo ad un altro congiunto. L’errore, insomma, è sempre in agguato.

Ti potrebbero interessare anche:

BANCHE/ Scandalo Grandi Istituti, manipolavano le valute
Enel nuove cessioni. In vendita attività in Slovacchia e Romania
LAVORO/ + 80mila il saldo dei contratti gennaio-febbraio
TREDICESIME/ In arrivo 50 miliardi, a 127mila famiglie in più
Manovra, stop a stipendi in contanti. Governo battuto sulla riforma dell'Inps
ALMAVIVA: TERZO NATALE SENZA LAVORO,FLOP RICOLLOCAZIONE



wordpress stat