| categoria: Dall'interno, Senza categoria

FERROVIE SUD EST/ Del Rio, consegnerò le carte alla Procura

– Il ministero dei Trasporti «valuterà l’azione di responsabilità» nei confronti degli amministratori di Ferrovie Sud Est e «consegnerà ufficialmente le carte alla Procura»: «poi a breve un piano industriale serio». È quanto annuncia il ministro dei Trasporti Graziano Delrio su Facebook. «Basta carrozze ferme, basta interessi privati e clientelismi, basta opacità, basta sprechi – scrive ancora – Al centro del trasporto pubblico mettiamo i cittadini e i servizi pubblici devono essere comodi, puntuali e far camminare l’Italia a testa alta. «Il 12 gennaio scorso abbiamo commissariato come governo le Ferrovie Sud Est di Bari – scrive il ministro – ieri abbiamo pubblicato sul sito del Ministero la relazione del Commissario Andrea Viero, facendo luce su una gestione totalmente opaca e reticente. In questo periodo il commissario, e i sub commissari Angelo Mautone e Domenico Mariani, oltre a scoperchiare i conti hanno iniziato a revocare consulenze e a recuperare risorse sugli sprechi. Molto resta da fare in una situazione gravemente compromessa: il debito della società è di 311 milioni. C’era, dice il commissario, »un’azienda fuori dall’azienda«, dove la missione istituzionale del trasporto pubblico aveva un ruolo »ancillare« e risorse minime, mentre la gran parte veniva dispersa in consulenze inutili, con incarichi senza gara. Così, nel trasporto pubblico pugliese ci sono carrozze ferme e mai utilizzate, ritardi e disservizi, mentre qualcuno si abbuffava di denaro pubblico». «Come Ministero valuteremo l’azione di responsabilità e consegniamo ufficialmente le carte alla Procura. Poi, a breve, un piano industriale serio, con un risanamento profondo, per dare alla Puglia un servizio pubblico degno di questo nome. Un atto dovuto verso i cittadini e verso i 1.300 lavoratori dell’azienda che, siamo certi, avremo al nostro fianco per ripartire», conclude Delrio.

Ti potrebbero interessare anche:

Benzinaio si uccide a Padova ''La crisi mi ha tolto il sorriso''
CAMORRA/ Il clan fuggito dalle faide napoletane si era insediato in Abruzzo
Depuratori del Golfo, controlli nel sud pontino: 3 su 4 non in regola
Mps: morte Rossi, disposta riesumazione
Il Papa contro la corruzione. Cantone, è novità importante
INCENDIO MORRONE: INDAGINI, TROVATI ALTRI DUE INNESCHI



wordpress stat