| categoria: attualità, primo piano

Bruxelles-Parigi, nuovo blitz a Schaerbeek: preso il super-ricercato

Sarebbe Mohamed Abrini, uno dei super ricercati nell’ambito dell’inchiesta sugli attentati di Parigi e complice di Salah Abdeslam, l’uomo arrestato nell’operazione condotta a Schaerbeek. Lo riferiscono alcuni medio online belgi. Per ora non ci sono conferme ufficiali. L’operazione si sta concludendo.
L’operazione a Schaerbeek sarebbe legata a quella che condotta ieri a Parigi che ha consentito di prevenire un nuovo attentato. L’uomo sarebbe stato ferito alle gambe dopo che avrebbe tentato di scappare opponendo resistenza alll’avvertimento degli agenti di fermarsi. La tv Rtbf cita testimonianze presenti non confermate ufficialmente.
Intanto filtrano alcune indiscrezioni sull’interrogatorio di Salah Abdeslam: ‘Abaaoud è il responsabile degli attentati del 13 novembre a Parigi’. E c’è un nuovo ricercato per gli attacchi a Bruxelles e nella capitale francese, è un siriano. I fratelli kamikaze avevano lavorato come addetti alle pulizie nell’aeroporto di Bruxelles. Kerry: non ci faremo intimidire. Intanto si viene a sapere che un poliziotto aveva l’indirizzo di Salah da 3 mesi. Ieri sera in alcuni blitz nella capitale belga sono state fermate 6 persone. Sono stabili le condizioni della donna la cui foto è diventata uno dei simboli degli attacchi.
Parla Salah: “Abaaoud responsabile attentati 13/11”, “Ho rinunciato a farmi saltare quando ho parcheggiato la macchina” –
‘Arrestato in Germania aveva precedenti in Italia’ – Sull’uomo arrestato nell’area di Giessen, in Assia, sarebbe un marocchino di 28 anni pende un divieto di ingresso nell’area Schengen per reati commessi in Italia e Germania. Lo riferisce la tv pubblica tedesca Ard. La polizia federale non ha voluto commentare l’ipotesi di un collegamento fra l’uomo e gli attentati di Bruxelles ma, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Dpa, si è limitata a confermare il fermo. Di un possibile legame con l’ambiente degli attentatori di Bruxelles ha invece scritto lo Spiegel, rivelando il ritrovamento di due sms sospetti sul suo telefonino.

Polizia aveva indirizzo Abdeslam da 3 mesi – Un poliziotto di Mechelen (nord) aveva l’indirizzo di Salah Abdeslam, uno dei responsabili degli attentati di Parigi, dal sette dicembre scorso ma non lo ha segnalato a Bruxelles per tre mesi: lo scrive oggi il quotidiano belga DH nella sua edizione online. Secondo quanto riferito, l’ufficiale di polizia aveva ottenuto le informazioni a Mechelen e aveva inserito l’indirizzo in un rapporto confidenziale destinato alla cellula antiterrorismo della polizia giudiziaria federale di Bruxelles: rue des Quatre Vents numero 79, a Molenbeek, dove Abdeslam é stato trovato venerd’ scorso. Tuttavia, il rapporto non é stato trasmesso alla capitale ed é rimasto sotto chiave per tre mesi presso la polizia di Mechelen.

Nuovo ricercato per attacchi, è siriano – C’è un nuovo ricercato per gli attacchi terroristici di Parigi e Bruxelles, si tratta di Naim Al Hamed, siriano di Hama, di 28 anni. Il nome compare su una lista di cinque principali sospettati introvabili, che si presume siano stati coinvolti negli attentati del 13 novembre a Parigi e in quelli di martedì a Bruxelles. La notizia era stata pubblicata ieri dai media spagnoli e ripresa oggi dalla Dh. L’uomo viene descritto come “molto pericoloso e forse armato”.

Kerry, Usa appoggeranno Ue contro terrorismo – “Gli Usa sono determinati ad appoggiare il Belgio e tutti gli altri Paesi Ue per affrontare la sfida” del terrorismo, e “continueremo a fornire assistenza necessaria alle indagini”: così il segretario di stato Usa John Kerry in conferenza stampa con il premier belga Charles Michel.
“Non ci faremo intimidire” e “non ci fermeremo fino a quando non avremo eliminato” l’ideologia dell’Isis “da questo mondo”. “Sono fiducioso sul nostro successo e sulla possibilità di riportare la pace”, ha aggiunto Kerry.

Fratelli kamikaze avevano lavorato in aeroporto – I fratelli kamikaze Khalid e Ibrahim El Bakraoui avevano lavorato come addetti alle pulizie nell’aeroporto di Bruxelles che hanno preso di mira martedì scorso: lo scrive il tabloid britannico Daily Mail, che cita un loro zio. I due, quindi, conoscevano bene l’aeroporto e dovrebbero essere stati sottoposti ai controlli di sicurezza, scrive il giornale nella sua edizione online. “Hanno lavorato come addetti alle pulizie all’aeroporto e in un ristorante – ha detto lo zio – Alla fine non hanno finito il liceo. Hanno lavorato all’aeroporto nei mesi estivi”. Ieri sera il procuratore belga ha detto che la polizia sta indagando su questo aspetto.

Attentato sventato, arrestato era legato ad Abaaoud
– Reda Kriket, l’uomo arrestato ieri ad Argenteuil, nella banlieue nord di Parigi, mentre era arrivato allo “stadio avanzato” della preparazione di un attentato in Francia, era stato condannato in contumacia in Belgio insieme ad Abdelhamid Abaaoud, la “mente” degli attentati di Parigi. Lo si apprende da fonti della polizia francese. Nella sua abitazione sono stati ritrovati ieri sera esplosivi e, contrariamente a quanto dichiarato ieri sera dal ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve, gli inquirenti avrebbero ricostruito un legame dell’attività di Reda Kriket con gli attentati di Bruxelles e Parigi. Lo scorso mese di luglio, Reda Kriket era stato condannato a 10 anni di carcere dal tribunale di Bruxelles nel processo della “filiera siriana” nota come “Zerkani”. Nell’ambito di questa rete, Kriket – originario della banlieue sud-ovest di Parigi, un passato di rapinatore – aveva fatto partire per la Siria una trentina di persone. Fra queste, Abaaoud.

Stabili condizioni donna in foto simbolo attacchi – Una hostess indiana ferita nell’attentato all’aeroporto di Bruxelles, è “in condizioni stabili e si sta riprendendo”. Lo ha riferito la compagnia aerea Jet Airways in un comunicato. Nidhi Chaphekar, 40 anni e madre di due figli, è diventata uno dei ‘simboli’ dell’attacco terroristico dopo che la sua foto, che la ritrae accasciata su una panchina con il viso coperto di sangue e l’uniforme gialla lacerata, è stata pubblicata su tutti i giornali. La donna ha ustioni sul 15% del corpo e un piede fratturato

Ti potrebbero interessare anche:

Sorpresa, sta calando la disoccupazione
Parigi blindata per il vertice mondiale sul clima
Arriva il registro degli iman, obbligo di parlare italiano
Dj Fabo, Marco Cappato indagato per aiuto al suicidio
Catania, violentata dottoressa di turno alla guardia medica
L'idea, piattaforme di sbarco per i migranti



wordpress stat