| categoria: salute

Mai portare lo smartphone in bagno

Leggere un giornale nell’intimità del bagno, nella totale rilassatezza e privacy, sembra essere ormai qualcosa da relegare al secolo scorso: oggi le persone sono più propense a scorrere il proprio newsfeed sullo smartphone, ed è un’abitudine molto diffusa ma poco igienica, come non è difficile immaginare.

In particolare, a mettere in guardia sui rischi di non separarsi dallo smartphone nemmeno in “quei momenti” è stato uno studio di Charles Gerba, microbiologo presso l’Università dell’Arizona, ha spiegato: “I servizi igienici sono pieni di germi, batteri e agenti patogeni – la maggior parte dei quali provenienti da feci”. Come è noto, in particolare le maniglie delle porte, pavimenti, rotoli di carta igienica e rubinetti sono contaminati in ogni toilette.

Gli smartphone, quando utilizzati in bagno, vengono facilmente a contatto con superfici contaminate e mentre la maggior parte delle persone si ricorda di lavarsi le mani prima di lasciare il bagno, non accade altrettanto con il telefono, ed è qui che si accumulano batteri e agenti patogeni pericolosi. Studi hanno dimostrato che la diffusione di E. coli, salmonellosi, epatite A, ma anche malattie come l’influenza possono essere ricondotte alla scarsa igiene nei bagni pubblici.

Ti potrebbero interessare anche:

Il caffè ci tiene svegli perché rallenta l'orologio interno
Diabetici e internet, tra troppa e cattiva informazione
STUDIO/ Latte munto di notte alleato contro l'insonnia
«Lo Sport manda in fuorigioco l’autismo”
Una cena antistress: spinaci, tacchino, salmone, cereali
Incontinenza femminile, solo 1 caso su 3 viene diagnosticato



wordpress stat