| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Vaticano conferma: aperta inchiesta sull’attico del cardinal Bertone

Il Vaticano ha confermato l’apertura di un’indagine per i finanziamenti della ristrutturazione dell’attico dell’ex Segretario di Stato Vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. «Sono indagati Giuseppe Profiti e Massimo Spina», riferisce il vice direttore della sala stampa vaticana, Greg Burke, confermando quanto anticipato dall’Espresso. L’accusa sarebbe di appropriazione indebita per i due ex manager del Bambino Gesù. «Il cardinale non è indagato», precisa il portavoce riferendosi a Bertone.
Il Cardinale Tarcisio Bertone «ribadisce di non aver mai dato indicazioni, o autorizzato, la Fondazione Bambino Gesù ad alcun pagamento in relazione all’appartamento da Lui occupato e di proprietà del Governatorato». È quanto precisa l’avvocato Michele Gentiloni Silveri che, «in nome e per conto» dello stesso Bertone e in relazione all’articolo che sarà pubblicato sul prossimo numero dell’Espresso, sottolinea «come la missiva inviata dal Cardinal Tarcisio Bertone al prof. Giuseppe Profiti l’8 novembre 2013, conferma integralmente la veridicità di quanto da Lui sempre affermato». «In effetti -rileva il legale- nella citata risposta si chiarisce al prof. Giuseppe Profiti che la volontà di S.E. è quella di nulla porre a carico della Fondazione Bambino Gesù, comunicandogli al contempo che sarà cura del Cardinal Bertone stesso di procedere alla ricerca di finanziamenti per i lavori da espletarsi nell’appartamento».

Ti potrebbero interessare anche:

Il Cavaliere medita il colpaccio: blind trust per Mediaset e minicessione
Assohotel, 10mila alberghi a rischio per mancato adeguamento alle norme anti-incendio
Assenteismo: Sanremo, primi quattro licenziamenti
Bce: Alta corte tedesca, Omt è legittimo
Sarah Scazzi, depositate le motivazioni della sentenza, 1277 pagine
PICCOLA CROAZIA GROSSO TALENTO, LA CLASSE AL POTERE



wordpress stat