| categoria: economia

Statali, Madia accelera sul contratto. Ma resta il nodo risorse

Aran e sindacati firmano il nuovo contratto per gli statali

Ci è voluto tempo, ma il primo fondamentale tassello per il rinnovo del contratto degli statali, è stato piazzato. I comparti, il terreno sul quale sindacati e Aran, l’agenzia governativa che si occupa dei negoziati per il rinnovo, dovranno confrontarsi, saranno quattro. Fino a ieri erano ben undici. L’accordo con le sigle non è stato facile.

Nella migliore delle tradizioni delle trattative sindacali, la firma in calce è arrivata soltanto a tarda notte. Un po’ fa parte della sceneggiatura. Un po’ è pretattica, in modo da alzare immediatamente il livello di attenzione sulla questione centrale, il tavolo per il rinnovo del contratto, bloccato ormai sin dal 2010. E così, mentre il ministro della Funzione pubblica Marianna Madia plaudiva all’accordo parlando di un sistema «più semplice e innovativo», i leader di Cgil, Cisl e Uil in coro hanno avvisato il governo che «ora non ci sono più alibi».

Ed in realtà il ministro sembrerebbe intenzionato a non perdere tempo. L’intenzione, secondo quanto filtra da Palazzo Vidoni, sarebbe quella di convocare entro 15 giorni i sindacati per un incontro. Per parlare di contratto, ma non solo. Sul tavolo della Madia non c’è solo il rinnovo. C’è anche la riscrittura complessiva delle regole del Pubblico impiego, un Testo unico previsto dalla riforma della Pubblica amministrazione che del ministro porta il nome. L’intenzione sarebbe quella di presentare il testo definitivo entro l’estate, per questo l’intenzione sarebbe di ascoltare le proposte dei sindacati sulle questioni aperte. Che sono tante e complesse.

Ti potrebbero interessare anche:

In Italia record di aziende protestate, 47 mila
Fisco: ora sanzioni mini per piccoli errori versamenti
Crisi: -5,2% credito a imprese, giù 50 miliardi in un anno
Aumentano gli attacchi informatici: ecco quanto costa alle aziende il cybercrimine
SCHEDA/ Iran secondo partner commerciale Ue, export
Fca-Renault, ufficiale la proposta di fusione



wordpress stat