| categoria: salute

‘Perline’ microscopiche nello stomaco per combattere obesità

Nella lotta contro l’obesità arriva una nuova arma, che sembra essere sicura e permette di non ricorrere alla chirurgia. Si chiama embolizzazione bariatrica, e comporta l’iniezione di ‘perline’ microscopiche in una specifica parte dello stomaco, il fondo, dove si produce la grelina, il cosiddetto ormone dell’appetito:così si riduce l’afflusso di sangue e diminuiscono i segnali di fame. Il tutto avviene tramite un catetere, con cui si accede a vasi sanguigni specifici,attraverso una piccola incisione nella pelle dell’inguine o del polso. A descrivere i risultati di un primo trial su 7 pazienti con grave obesità, Clifford Weiss, della Johns Hopkins University School of Medicine, al meeting annuale della Society of Interventional Radiology. Il trial ha coinvolto persone con un indice di massa corporea compreso tra 40 e 60, quindi ben oltre la soglia di 30 che indica obesità. I pazienti dopo l’intervento hanno mostrato dei benefici, sia in termini di riduzione di peso che dei livelli di grelina

Ti potrebbero interessare anche:

Lo sforzo di scalare una montagna può indurre cambiamenti strutturali nel cervello?
Spigole e orate contengono sostanze neurotossiche?
"Idi per amico", oltre 2mila partecipanti all'Open Day
Diabete, colpiti 3,5 milioni di italiani, farmaci innovativi per pochi
Il tè nero protegge le donne anziane dal rischio fratture
Sbadigli smisurati non segno di noia ma di intelligenza



wordpress stat