| categoria: economia

Banche, a breve misure per velocizzare recupero crediti

Nei prossimi giorni il Governo completerà il quadro delle misure che renderanno più semplici e veloci le procedure concorsuali e quelle di recupero dei crediti in modo da ridurre e rendere più prevedibili e rapidi i tempi di rientro. L’adeguamento ai migliori standard internazionali delle procedure concorsuali e fallimentari aiuterà a gestire meglio le crisi aziendali nell’interesse di tutti gli stakeholder. E’ quanto si legge in una lunga nota diffusa dal governo sul Fondo Atlante per il sistema bancario.

Si chiama Atlante il fondo lanciato dalla Sgr Quaestio per assicurare gli aumenti di capitale delle banche e affrontare il problema delle sofferenze. E’ quanto si legge in una nota della Sgr presieduta da Alessandro Penati che a seguito degli incontri odierni al Mef “ha raggiunto un importante numero di adesioni”.

Il governo apprezza l’iniziativa del Fondo Atlante e annuncia nuove misure per il recupero dei crediti. E’ quanto scritto in una lunga nota diffusa in serata in merito al lancio del fondo di investimento alternativo per il sistema bancario.

Il nuovo fondo promosso dal Governo e da Cdp per gli aumenti di capitale delle banche e per i crediti deteriorati dovrebbe avere un perimetro di circa 5 miliardi di euro. E’ quanto riferiscono alcuni partecipanti all’incontro odierno al Ministero del Tesoro con gli a.d. delle principali banche italiane. Cdp, come emerso nei giorni scorsi, dovrebbe partecipare con una quota limitata. Nel corso della riunione, interlocutoria ma svoltasi in un clima positivo, sono stati registrati progressi. Domani sarà fornita la documentazione scritta sui dettagli del funzionamento del fondo

Ti potrebbero interessare anche:

Primo rosso della storia per Mediaset
Rcs, chi ha rastrellato l'11% del capitale per 45 milioni di euro?
Lotta all'evasione, scatta lo scambio di informazioni Italia-Usa
LAVORO/Martina, in agricoltura 45 mila assunzioni in più
La lettera di Bruxelles all’Italia: «Nessuna manovra ma piano di aggiustamento entro aprile»
Entro il 2020 altri 16mila lavoratori in uscita dalle banche



wordpress stat