| categoria: Roma e Lazio

Crollo al Flaminio, il condominio resta sotto sequestro

Ci vorrà ancora del tempo prima che i condomini del palazzo di lungotevere Flaminio 70, colpito lo scorso gennaio dal crollo degli ultimi tre piani, possano rientrare nei propri appartamenti. L’edificio rimane infatti ancora sotto sequestro e la procura di Roma ha respinto l’istanza con la quale l’avvocato Gianluca Tognozzi, legale dell’amministratore dell’amministratore del condominio, aveva chiesto che gli inquilini potessero tornare nelle proprie case, anche in virtù di una certificazione di cessato pericolo. I consulenti della procura sulla circostanza hanno espresso parere negativo, dato che gli accertamenti sul crollo non sono ancora terminati. Le conclusioni dei tecnici nominati dalla procura è previsto per il prossimo 25 aprile. Intanto un incontro tra gli stessi consulenti, il procuratore aggiunto Roberto Cucchiari e il pm Antonella Nespola dovrebbe tenersi mercoledì.

Ti potrebbero interessare anche:

PDL LAZIO/ Appello a Berlusconi: via Fazzone, il partito nel Pontino va commissariato
Tassista picchia anziano, Marino: gli abbiamo sospeso la licenza
Funerale Casamonica, Sabella: non rinuncio alle vacanze per funerale cafone
Violenze a via Candoni, chiudere il campo nomadi?
La nuova Cinecittà, compie 80 anni e riparte
Panico sulla metro B per un guasto alla linea aerea: servizio sospeso



wordpress stat