| categoria: economia

Dalle macchine alle fotocopie, “Ogni anno gli enti pubblici sprecano 20 miliardi di euro”

Ogni anno Comuni, Province, Regioni, Asl, Università, ministeri e organi costituzionali spendono più di 87 miliardi di euro per l’acquisto di beni. Se nella spesa di auto, energia elettrica e fotocopie, si rivolgessero alla centrale unica di acquisto ci sarebbe un risparmio di ben 20 miliardi (un’intera manovra), ma solo il 17% degli enti locali si rivolge alla Consip. Emerge nell’ultimo rapporto stilato dall’Istat e dal ministero dell’Economia e delle Finanze.
Macchine pagate a peso d’oro – Secondo lo studio, la P.a. per l’acquisto di furgoni paga ai fornitori il 25% in più rispetto a quanto accadrebbe se si rivolgessero alla Consip. Per quanto riguarda le auto lo spreco è del 17% in più: una citycar in media costa allo Stato 9.707 euro quando potrebbe costare 7.911 mentre una 4X4 costa 13.099 a dispetto dei 12.139 tramite Consip.

Fotocopie a caro prezzo
– Lo stesso discorso vale per le fotocopie: il prezzo in convenzione è di 0,0658 euro, fuori convenzione 0,1158. In questo caso il risparmio sarebbe del 43%.
Energia “salata” – I maggiori sprechi di energia vengono fatti dai ministeri. Secondo il rapporto infatti per il servizio di luce il rincaro è del 35%. Per il gasolio del 5%: si spende quindi in media 0,680 euro piuttosto di 0,641.

Ti potrebbero interessare anche:

Nodo rappresentanza, la Confindustria chiama i sindacati, riparte il confronto tra le parti sociali
JOBS ACT/ Da maggio al via "Naspi", chi guadagna, chi perde
Mps, aumento di capitale fino a 5 miliardi e un piano per 2600 esuberi
Carrefour, avviata procedura per cinquecento licenziamenti
Corte Conti, nel 2016 per la prima volta patrimonio in rosso
Inps: «In Italia 18 milioni di pensioni, il 63,1% sotto soglia dei 750 euro»



wordpress stat