| categoria: Scienza

Cervello, scoperto il ‘motore’ che fa comunicare le cellule

Scoperto il motore molecolare che mette in comunicazione le cellule nervose: è la chiave per capire molte malattie neurologiche, compresa l’emicrania, e per aprire la strada a futuri farmaci. Pubblicata sulla rivista Cell Reports e sul Journal of Biological Chemistry, la scoperta si deve alla collaborazione fra Università di Genova, Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) e Università Vita e Salute San Raffaele di Milano.

Finanziata dalla Fondazione Telethon, la ricerca ha messo un relazione la mutazione di un gene, chiamato PRRT2, con alcune malattie neurologiche, come l’epilessia benigna infantile e l’emicrania. E’ un gene chiave nel favorire la comunicazione tra i neuroni perchè è attivo nelle connessioni (sinapsi) grazie alle quali le cellule nervose entrano in comunicazione tra loro per trasmettere informazioni. A coordinare il gruppo di ricerca è stato Fabio Benfenati, del dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università di Genova, che con il Centro di Synaptic Neuroscience and Technology dell’Iit e con Flavia Valtorta, dell’Università Vita e Salute, sono riusciti a individuare la funzione esatta del gene PRRT2.

I ricercatori hanno dimostrato infatti che grazie alla sua presenza la trasmissione delle informazioni tra i neuroni avviene in modo più semplice e spedito. Il gene facilita infatti il rilascio di una sostanza-messaggero (neurotrasmettitore) chiamata Sinaptotagmina, che dà il “via” alla trasmissione delle informazioni tra i neuroni. Quando il gene PRRT2 è mutato la sostanza-messaggero non viene rilasciata e la comunicazione tra i neuroni diventa impossibile.

Ti potrebbero interessare anche:

Agorafobia, attacchi di panico e vertigini? Il soggetto ansioso è più vulnerabile
Arriva il 'guanto' robotico, aiuta a muovere la mano dopo l'ictus
Anche le confezioni degli alimenti ci fanno ingrassare
Test precoce svela l'autismo con 20 gocce di sangue
Trovata la formula matematica dell'autostima
Alzheimer, nuovo fallimento farmaco in test sull'uomo



wordpress stat