| categoria: sanità Lazio

Far west al Pronto Soccorso di Tivoli, aggredisce il medico di turno e gli agenti. Arrestato

Arriva al pronto soccorso dell’Ospedale di Tivoli lamentando dolori al femore e infezioni alle parti molli. Dopo circa un’ora si indispettisce ed inizia ad insultare e sputare in faccia ad una dottoressa. Non lo placa neppure una volante della Polizia. Arrestato. Il fatto è accaduto mercoledì 13 aprile, intorno alle 23, quando Manuel C. 33 anni residente ad Aprilia ma domiciliato a Sant’Angelo Romano è stato arrestato per aggressione a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. Alle 22 si è era presentato al pronto soccorso del San Giovanni Evangelista di Tivoli chiedendo di essere visitato. Una volta arrivato il suo turno inspiegabilmente non aveva risposto alla chiamata, ma più tardi, in evidente stato confusionario, aveva dato in escandescenze insultando la dottoressa di turno e arrivando a sputarle in faccia. È stata quindi chiamata la polizia, e all’arrivo della volante il 33enne ha continuato ad inveire contro gli agenti, aggredendoli. Le ferite riportate dall’agente sono state dichiarate guaribili in 8 giorni, in tre quelli della dottoressa.
“Il Direttore generale della Asl Roma 5, Vitaliano De Salazar, esprime a nome personale e di tutta l’Azienda sanitaria solidarietà e vicinanza al medico e all’agente di polizia aggrediti quella notte nel Pronto Soccorso – scrive in una nota la direzione -. Ringrazio tutti i sanitari e le forze dell’ordine – prosegue De Salazar – che quotidianamente prestano il loro servizio con dedizione e abnegazione nella speranza che tutti noi, cittadini e operatori sanitari, si faccia quadrato per far svolgere loro in piena serenità il delicato lavoro di cura della nostra salute e di difesa della nostra incolumità”.

Ti potrebbero interessare anche:

Passaggio di consegne tra subcommissari, esce Botti, entra Bissoni
Emergenza a Villa Aurora, intervenga la Regione
Culla 'hi tech' per il servizio di elisoccorso neonatale dell'Umberto I
LA DENUNCIA/ "Sono almeno 260mila i pazienti in lista d'attesa"
Caso di Chikungunya registrato ad Ardea, al via le misure di sicurezza
LE PAGELLE DELLA CRISI/ Se il Covid-19 diventa un alibi siamo rovinati



wordpress stat