| categoria: esteri

USA 2016/ Il popolo anti-Trump invade Manhattan, arresti

Il popolo anti-Trump invade il cuore di Manhattan. L’appuntamento è davanti al Grand Hyatt Hotel, sulla 42esima strada di fianco a Grand Central Station, dove è in programma il Gala del partito repubblicano, a cui partecipano i candidati alla Casa Bianca Donald Trump, Ted Cruz e John Kasich. Ma è soprattutto contro il tycoon newyorkese che si scagliano i manifestanti. Sono circa un migliaio, circondati dalle barricate e da un imponente cordone di agenti di polizia che cercano di mantenere l’ordine, ma alcuni riescono ad entrare all’interno dell’albergo di Midtown e vengono arrestati dalle forze dell’ordine. I dimostranti gridano «no Trump», «il razzismo è la malattia, la rivoluzione è la cura», e protestano soprattutto contro le idee del miliardario sull’immigrazione. «Gli immigrati sono benvenuti qui», afferma Henry, un ragazzo bianco sui trent’anni. «Siamo gente che lavora, vive qui da tempo e paga le tasse, non possiamo accettare l’ipotesi che lui diventi il nostro presidente», aggiunge Maria, di origini latine, ma da almeno vent’anni a New York. In tanti sono contro Wall Street e «la corruzione dei finanziamenti alle campagne elettorali». Per John, per esempio, operaio 60enne, Trump e Hillary Clinton sono sullo stesso piano: «Non vogliamo essere controllati da questi razzisti che credono solo nel denaro, Bernie Sanders è l’unico che può portare una vera rivoluzione».

Ti potrebbero interessare anche:

Unhcr (Commissariato Onu per i Rifugiati): 'Aumentate del 28% le domande d'asilo, 612mila nel 2013'
Le sorprese dallo Iowa, Cruz batte Trump. Pari tra Clinton e Sanders
Merkel attacca destra populista: "Con loro si perde orientamento"
LIBIA/ "Il generale Haftar è morto", caos in Cirenaica
Coronavirus, negli Usa più di mille morti in 24 ore
Corsa al Vaccino, ma c'è cautela sulla durata dell'immunità



wordpress stat