| categoria: Roma e Lazio

Movida violenta, donne a rischio. Lunga scia di aggressioni

Le notti della movida, a Roma, sono nemiche delle donne. In questo ultimo fine settimana una quindicenne è stata salvata da uno stupro al Casilino, e altre quattro donne sono state aggredite all’Ostiense, a San Giovanni e a due passi da piazza di Spagna. I ragazzi bevono e consumano droghe e le ragazze sembra che stiano diventando le vittime dello sballo. E i numeri allarmano. «Con l’arrivo dell’estate le notti della movida si fanno sempre più affollate e rischiose. Raddoppia il consumo di alcol e droghe e quindi il rischio che esplodono risse e episodi di violenza specialmente contro le donne – dicono i carabinieri – i controlli ci sono già, ma in alcune zone alzeremo l’attenzione ancora di più. In questi ultimi casi come in altri i colpevoli sono stati presi, è la dimostrazione che il controllo serrato del territorio funziona in termini di sicurezza».
L’uomo che ha tentato di violentare la quindicenne è stato arrestato da una pattuglia di carabinieri che controllava la zona intorno ai giardini dove il marocchino aveva portato la ragazzina con la forza. I carabinieri avevano visto i due incamminarsi all’interno del parco, e si erano accorti che non si trattava di una coppietta. Sono riusciti a fermare l’uomo e ad ammanettarlo. Due ragazze spagnole di 20 e 21 anni sono state aggredite sabato notte all’Ostiense da un sudamericano di 39 anni. L’uomo aveva cercato di abbordarle, ma le straniere avevano cercato di allontanarlo. Il sudamericano si è scagliato contro le ragazze e con il collo di una bottiglia le ha ferite alla gamba e al braccio. Le urla delle spagnole hanno allarmato un amico che si trovava poco lontano, il ragazzo è intervenuto per difenderle e il sudamericano ha ferito anche lui. L’aggressore è stato arrestato dagli agenti del commissariato Celio per violenza sessuale.
Una turista tedesca è stata scippata della catenina in via di San Sebastianello, a due passi da piazza di Spagna, da due romeni finiti in carcere. Un’altra donna è stata minacciata in via Gabri, a San Giovanni da un rapinatore che per farsi consegnare la borsa le ha puntato una forchetta alla gola.
In arrivo circa sessanta carabinieri di rinforzo per prevenire i reati del week end. Più pattuglie in strada nelle notti romane, uomini in divisa e in borghese avranno il compito di rendere sicure le notti del divertimento. Il numero dei militari che controllano la città e il prolungamento dell’orario dei presidi fissi in zone come Campo de’ Fiori e Trastevere è già una realtà, considerando che sono considerati pure luoghi a rischio attentati.
Ma dal prossimo fine settimana i carabinieri aumenteranno i controlli anche a Ponte Milvio, al Pigneto, a San Lorenzo, e sull’Ostiense.
Nel fine settimana appena passato i carabinieri del Comando provinciale hanno arrestato 14 pusher. I controlli hanno riguardato un po’ tutte le zone della città e gli arresti sono stati compiuti per lo più nei quartieri di Trastevere, Testaccio, Esquilino, San Basilio, Talenti, Eur, Ostiense, Ponte Milvio, Trionfale. Sono finiti in manette 4 romani e 10 stranieri (due cittadini del Gambia, uno del Senegal, due del Marocco, uno della Turchia, uno di Capo Verde, due della Colombia ed uno inglese) che avevano complessivamente quasi un chilo di sostanze stupefacenti tra dosi di hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Tutti i pusher arrestati dai carabinieri sono in attesa del rito direttissimo.

Ti potrebbero interessare anche:

Viterbo, studente disabile al Quirinale per l'apertura dell'anno scolastico
Flash-mob di centauri contro la chiusura del Tridentino, "la misura è colma"
Antiterrorismo, blitz della polizia nel centro d'accoglienza Baobab sulla Tiburtina
Uffici chiusi e pensionamenti, la scure di Tronca sul Campidoglio
Molotov contro commissariato di Prati: a fuoco un furgone della polizia
'PATRIMONIO IN COMUNE', AL VIA L'OFFERTA DIDATTICA DELLA CAPITALE



wordpress stat