| categoria: politica

M5s da Mattarella: “Per lui voti Verdini solo aggiuntivi a maggioranza”

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale i Presidenti dei Gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, Nunzia Catalfo e Michele Dell’Orco. “Per Mattarella – hanno detto al termine dell’incontro – Ala e Verdini sono maggioranza aggiuntiva ma non sostitutiva. Il capo dello Stato ci ha detto che se dovesse divenire sostitutiva interverrebbe in qualche modo”. “C’è una nuova maggioranza aggiuntiva, questo lo ha riconosciuto anche il Presidente. Ha l’appoggio ufficiale di Verdini e del gruppo Ala, la maggioranza si è allargata e questo è un dato di fatto riconosciuto anche da Mattarella. Il Presidente interverrà se questa maggioranza diverrà, nei fatti, diversa e sostitutiva”, aggiungono i pentastellati. “Abbiamo posto il problema della decretazione d’urgenza. Lui ha condiviso le nostre preoccupazioni sul fatto che il Parlamento non ha più potere legislativo: è un suo cruccio”, sottolineano i due capigruppo M5S. “Ringraziamo inoltre il presidente – concludono Cataldo e Dall’Orco – perché ha riconosciuto un merito al M5S. È uno dei gruppi che lavorano di più in commissione e in Aula”.

“Mattarella – hanno detto ancora – rispetta la magistratura, ovviamente. Ed ha riconosciuto benissimo che uno dei principali problemi dell’Italia è la corruzione”. “Abbiamo messo l’accento sul caso Trivellopoli. Un caso grave di corruzione che riguarda il nostro governo”. I cronisti chiedono se hanno chiesto al capo dello Stato perché non li ha ricevuto la scorssa settimana, prima del voto sul ddl riforme istituzionali: “Ci ha detto che non ha ritenuto opportuno intervenire”, concludono i capigruppo.

Intanto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio è a Londra. “Apprendere le buone pratiche” del modello britannico sul fronte del controllo parlamentare – ha detto – e “portarle in Italia”: dalla “verifica sui risultati” prodotti dalle leggi e dall’attività di governo, al “coinvolgimento dei cittadini con strumenti di democrazia partecipata”, online e non. Di Maio, vicepresidente pentasellato della Camera, è in missione oggi e domani a Londra alla guida di una delegazione del Comitato di vigilanza sull’attività di documentazione di Montecitorio che ha in agenda una serie di incontri con rappresentanti di governo e deputati di maggioranza e di opposizione a Westminster. “Una missione istituzionale”, sottolinea Di Maio, replicando indirettamente a qualche polemica romana e spiegando di non voler “sovrapporre” questo piano con il suo ruolo di dirigente del Movimento 5 Stelle. “L’obiettivo della missione – insiste – è approfondire il tema del controllo parlamentare”. E il programma stilato dagli uffici della Camera prevede in futuro anche confronti con i modelli tedesco e francese a Berlino e Parigi.

Ti potrebbero interessare anche:

Approvato il piano "Destinazione Italia", tagli su bollette e Rc Auto
M5S dileggia Napolitano in aula, la Boldrini interviene
PUGLIA/Mele, l'ex deputato dello scandalo ricandidato (anche dal Pd) a sindaco di Carovigno
Renzi sfida Grasso: se riapre questione-articolo 2 decideremo di conseguenza"
Sondaggio sulle elezioni: il M5S torna a salire. Il Pd superato dal Centrodestra
Il Rosatellum è legge



wordpress stat