| categoria: sanità

Rinite allergica. Ne soffre il 12,5% degli italiani, ma il 64% si cura in maniera inadeguata

La rinite allergica (RA) è stata per decenni ed è tuttora classificata come uno dei disturbi cronici maggiormente diffusi al mondo. Tuttavia, la percezione comune tende a banalizzarla sul piano di un semplice raffreddore, curabile solo con un fazzoletto da tenere a portata di mano se si va in campagna. Secondo la fotografia scattata da GfK Eurisko per Meda Pharma, sono oltre 6 milioni gli italiani che ne soffrono e, nonostante la maggioranza (64%) ricorra all’impiego di farmaci, non riesce a raggiungere un buon controllo dei sintomi: quasi 8 su 10 (75%) considerano il disturbo come molto o estremamente fastidioso e 1 su 2 (47%) lo reputa molto o estremamente serio.

L’identikit degli italiani alle prese con la patologia, registra: giovani (oltre il 50% è under 44 anni), con una leggera prevalenza al femminile (le donne colpite sono il 55% contro il 45% degli uomini) e quasi il 40% soffre del disturbo in modo cronico e persistente, con picchi in coincidenza della stagionalità pollinica (primavera e inizio autunno).

Nella classifica dei sintomi più frequenti, si registrano quelli nasali (congestione e prurito per il 70% del campione, starnuti per il 63% e naso che cola per il 60%), cui seguono quelli oculari (prurito per il 46% e lacrimazione per il 42%) e quelli respiratori, con ben il 36% dei sofferenti che riferisce difficoltà a inalare aria. Un dato preoccupante, alla luce del fatto che chi soffre di rinite e non si cura in modo appropriato corre un rischio fino a 1,5-4,5 più elevato di soffrire di complicanze gravi Derebery J, et al. Otolaryngol Head Neck Surg 2008; 139(2):198-205., tra cui la più diffusa è l’asma Bousquet J, et al. Allergy 2003; 58(8):691-706., incidenza confermata anche dall’indagine: il 2,5% degli italiani colpiti dal disturbo (pari a 1,5 milioni) soffre, infatti, anche di asma. Dal confronto tra sofferenti e familiari, l’”entourage” cita più frequentemente sintomi del paziente quali russamento notturno (17% dei familiari contro il 14% dei sofferenti) e nervosismo/irritazione (17% dei familiari contro 14% dei sofferenti), aspetti che si rivelano quindi particolarmente rilevanti per la qualità di vita dei familiari. Restando in tema di conseguenze sulla quotidianità, la top 3 delle attività segnalate dai sofferenti come compromesse dalla rinite, include: stare all’aria aperta (segnalata dal 40% dei rispondenti), dormire bene (indicata dal 32%) e fare attività fisica (per il 24%). Il 14% dei sofferenti riferisce, inoltre, di aver perso dei giorni di lavoro a causa della rinite e, aspetto ancora più significativo, i rispondenti riportano di non essere riusciti a dare il massimo nel lavoro o nello studio per ben 7,8 giorni in media nell’ultimo mese, dato riconducibile al cosiddetto fenomeno del presentismo che, unitamente a quello dell’assenteismo, offre anche una misura dell’impatto del disturbo in termini socio-economici: la letteratura scientifica registra che la rinite e le patologie a essa correlate costano ben 7.33 miliardi di euro l’anno solo in Italia e l’impatto complessivo della perdita di produttività legato al disturbo è maggiore di quello di asma, malattie coronariche, diabete, ipertensione e malattie respiratorie sommate tra loro.

“Recenti studi clinici condotti su pazienti osservati nella loro quotidianità, dimostrano che l’utilizzo delle più innovative terapie e di nuovi strumenti per misurarne l’efficacia, possono offrire migliori prospettive di cura e gestione della patologia” – spiega iG.Walter Canonica, Presidente della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaac).

Se, fino a poco tempo fa, si avvertiva l’esigenza di disporre di un linguaggio comune e condiviso tra medici e pazienti per codificare il controllo dei sintomi, oggi questo obiettivo è stato raggiunto grazie all’introduzione di una nuova scala di misurazione visivo-analogica (VAS). “Questo sistema di valutazione è alla base di una nuova App gratuita, Diario dell’Allergia, sviluppata insieme agli esperti del gruppo Macvia Aria. Il valore dalla Vas e della App è quello di offrire un supporto concreto al paziente e al medico nella gestione quotidiana della rinite allergica, favorendo una migliore compliance alle terapie – continua Canonica -. L’utilizzo della App è semplice e intuitivo: gli utenti possono assegnare un punteggio al grado di fastidio della propria sintomatologia, utilizzando la Vas. I valori assegnati e il loro andamento vengono”.

I pazienti con rinite allergica si curano generalmente con antistaminici, a volte associati a corticosteroidi intranasali, ma molti di loro riportano un’insoddisfazione verso le terapie impiegate a causa della persistenza dei sintomi. Numerosi pazienti ricorrono all’uso di più farmaci, nel tentativo di raggiungere una migliore e più rapida risoluzione della sintomatologia. La conseguenza è che i pazienti non ottengono i risultati desiderati e la maggior parte di essi continua a essere affetta da sintomi nasali e oculari anche sotto trattamento multiplo.

Queste evidenze sono confermate anche dall’indagine Eurisko, da cui emerge che la maggioranza dei sofferenti (56%) si cura solo per brevi periodi o addirittura pochi giorni (32%) e ben il 53% assume inoltre le terapie in modo non appropriato, dimenticandosene o sospendendole. Questo si traduce in un livello di soddisfazione medio-basso: solo il 13% si dichiara molto soddisfatto dell’attuale terapia e, tra quelli poco soddisfatti, quasi 4 su 10 pensano che sia impossibile ottenere risultati migliori, cioè si rassegna a convivere con i sintomi, mentre si registrano aspettative elevate per cure migliori (il 90% vorrebbe un farmaco più efficace e il 79% effetti collaterali minori).

Recenti studi rilevano che un’alternativa terapeutica valida può essere offerta da un trattamento a base di azelastina e fluticasone proprionato, contenuti in un innovativo spray nasale, che ha dimostrato di ridurre i sintomi della rinite allergica in modo rapido e completo. Un paziente su due riferisce, infatti, di aver ottenuto un buon controllo della rinite allergica in soli 3 giorni di trattamento.

L’utilizzo della App Diario dell’Allergia è promosso In Italia in collaborazione con Siaaic (Società Italiana di Allergia, Asma e immunologia clinica) e con il contributo incondizionato di Meda Pharma. La App è disponibile per iOS e Android e scaricabile gratuitamente da App Store e Google Play.

Ti potrebbero interessare anche:

Chiuso il Patto della salute. C'è di tutto, budget, piccoli ospedali,118. Ma nulla di definitivo
FECONDAZIONE/ Ministero su eterologa, esame genetico scritto per più sicurezza
FOCUS/ In Italia cinquanta morti di parto l'anno. Metà evitabili
RBM Assicurazione Salute offre alla Lorenzin 15 miliardi per non far crollare il sistema sanitario
Morbillo: 41.000 casi Europa nel 2018
Coronavirus, "colpisce più bambini del previsto"



wordpress stat