| categoria: sanità

Rinite allergica. Ne soffre il 12,5% degli italiani, ma il 64% si cura in maniera inadeguata

La rinite allergica (RA) è stata per decenni ed è tuttora classificata come uno dei disturbi cronici maggiormente diffusi al mondo. Tuttavia, la percezione comune tende a banalizzarla sul piano di un semplice raffreddore, curabile solo con un fazzoletto da tenere a portata di mano se si va in campagna. Secondo la fotografia scattata da GfK Eurisko per Meda Pharma, sono oltre 6 milioni gli italiani che ne soffrono e, nonostante la maggioranza (64%) ricorra all’impiego di farmaci, non riesce a raggiungere un buon controllo dei sintomi: quasi 8 su 10 (75%) considerano il disturbo come molto o estremamente fastidioso e 1 su 2 (47%) lo reputa molto o estremamente serio.

L’identikit degli italiani alle prese con la patologia, registra: giovani (oltre il 50% è under 44 anni), con una leggera prevalenza al femminile (le donne colpite sono il 55% contro il 45% degli uomini) e quasi il 40% soffre del disturbo in modo cronico e persistente, con picchi in coincidenza della stagionalità pollinica (primavera e inizio autunno).

Nella classifica dei sintomi più frequenti, si registrano quelli nasali (congestione e prurito per il 70% del campione, starnuti per il 63% e naso che cola per il 60%), cui seguono quelli oculari (prurito per il 46% e lacrimazione per il 42%) e quelli respiratori, con ben il 36% dei sofferenti che riferisce difficoltà a inalare aria. Un dato preoccupante, alla luce del fatto che chi soffre di rinite e non si cura in modo appropriato corre un rischio fino a 1,5-4,5 più elevato di soffrire di complicanze gravi Derebery J, et al. Otolaryngol Head Neck Surg 2008; 139(2):198-205., tra cui la più diffusa è l’asma Bousquet J, et al. Allergy 2003; 58(8):691-706., incidenza confermata anche dall’indagine: il 2,5% degli italiani colpiti dal disturbo (pari a 1,5 milioni) soffre, infatti, anche di asma. Dal confronto tra sofferenti e familiari, l’”entourage” cita più frequentemente sintomi del paziente quali russamento notturno (17% dei familiari contro il 14% dei sofferenti) e nervosismo/irritazione (17% dei familiari contro 14% dei sofferenti), aspetti che si rivelano quindi particolarmente rilevanti per la qualità di vita dei familiari. Restando in tema di conseguenze sulla quotidianità, la top 3 delle attività segnalate dai sofferenti come compromesse dalla rinite, include: stare all’aria aperta (segnalata dal 40% dei rispondenti), dormire bene (indicata dal 32%) e fare attività fisica (per il 24%). Il 14% dei sofferenti riferisce, inoltre, di aver perso dei giorni di lavoro a causa della rinite e, aspetto ancora più significativo, i rispondenti riportano di non essere riusciti a dare il massimo nel lavoro o nello studio per ben 7,8 giorni in media nell’ultimo mese, dato riconducibile al cosiddetto fenomeno del presentismo che, unitamente a quello dell’assenteismo, offre anche una misura dell’impatto del disturbo in termini socio-economici: la letteratura scientifica registra che la rinite e le patologie a essa correlate costano ben 7.33 miliardi di euro l’anno solo in Italia e l’impatto complessivo della perdita di produttività legato al disturbo è maggiore di quello di asma, malattie coronariche, diabete, ipertensione e malattie respiratorie sommate tra loro.

“Recenti studi clinici condotti su pazienti osservati nella loro quotidianità, dimostrano che l’utilizzo delle più innovative terapie e di nuovi strumenti per misurarne l’efficacia, possono offrire migliori prospettive di cura e gestione della patologia” – spiega iG.Walter Canonica, Presidente della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaac).

Se, fino a poco tempo fa, si avvertiva l’esigenza di disporre di un linguaggio comune e condiviso tra medici e pazienti per codificare il controllo dei sintomi, oggi questo obiettivo è stato raggiunto grazie all’introduzione di una nuova scala di misurazione visivo-analogica (VAS). “Questo sistema di valutazione è alla base di una nuova App gratuita, Diario dell’Allergia, sviluppata insieme agli esperti del gruppo Macvia Aria. Il valore dalla Vas e della App è quello di offrire un supporto concreto al paziente e al medico nella gestione quotidiana della rinite allergica, favorendo una migliore compliance alle terapie – continua Canonica -. L’utilizzo della App è semplice e intuitivo: gli utenti possono assegnare un punteggio al grado di fastidio della propria sintomatologia, utilizzando la Vas. I valori assegnati e il loro andamento vengono”.

I pazienti con rinite allergica si curano generalmente con antistaminici, a volte associati a corticosteroidi intranasali, ma molti di loro riportano un’insoddisfazione verso le terapie impiegate a causa della persistenza dei sintomi. Numerosi pazienti ricorrono all’uso di più farmaci, nel tentativo di raggiungere una migliore e più rapida risoluzione della sintomatologia. La conseguenza è che i pazienti non ottengono i risultati desiderati e la maggior parte di essi continua a essere affetta da sintomi nasali e oculari anche sotto trattamento multiplo.

Queste evidenze sono confermate anche dall’indagine Eurisko, da cui emerge che la maggioranza dei sofferenti (56%) si cura solo per brevi periodi o addirittura pochi giorni (32%) e ben il 53% assume inoltre le terapie in modo non appropriato, dimenticandosene o sospendendole. Questo si traduce in un livello di soddisfazione medio-basso: solo il 13% si dichiara molto soddisfatto dell’attuale terapia e, tra quelli poco soddisfatti, quasi 4 su 10 pensano che sia impossibile ottenere risultati migliori, cioè si rassegna a convivere con i sintomi, mentre si registrano aspettative elevate per cure migliori (il 90% vorrebbe un farmaco più efficace e il 79% effetti collaterali minori).

Recenti studi rilevano che un’alternativa terapeutica valida può essere offerta da un trattamento a base di azelastina e fluticasone proprionato, contenuti in un innovativo spray nasale, che ha dimostrato di ridurre i sintomi della rinite allergica in modo rapido e completo. Un paziente su due riferisce, infatti, di aver ottenuto un buon controllo della rinite allergica in soli 3 giorni di trattamento.

L’utilizzo della App Diario dell’Allergia è promosso In Italia in collaborazione con Siaaic (Società Italiana di Allergia, Asma e immunologia clinica) e con il contributo incondizionato di Meda Pharma. La App è disponibile per iOS e Android e scaricabile gratuitamente da App Store e Google Play.

Ti potrebbero interessare anche:

Si sveglio' dal coma dopo due anni a Catania, morto Crisafulli. E il fratello attacca
Pasti in ospedali, quasi la metà finisce nel cestino
Nuova Sars, sono tre i casi a Firenze
Medici sul piede di guerra, si valutano 48 ore di sciopero
AIDS FA ANCORA PAURA,RISCHI NUOVE EPIDEMIE SE STOP CURE
Influenza, parte campagna vaccinale per gli operatori sanitari



wordpress stat