| categoria: Roma e Lazio

Tronca ancora bocciato, i “saltafila” tornano in campo

Non è servito a niente indicare le sette aree per i «saltafila» (dipendenti delle agenzie turistiche) nel centro storico durante il periodo del Giubileo. Il Consiglio di Stato ha sospeso l’ordinanza del commissario prefettizio Francesco Paolo Tronca, dichiarando «l’inefficacia ad tempus» del provvedimento fino alla data del deposito della sentenza di merito di primo grado del Tar. «Esprimo soddisfazione – ha commentato l’avvocato Adriano Tortora, che rappresenta i “saltafila” – per l’ordinanza cautelare con cui il Consiglio di Stato ha nuovamente sospeso l’ordinanza del commissario straordinario di Roma capitale in virtù della quale veniva negato agli operatori turistici il diritto di promuovere i propri servizi su tutto il territorio capitolino. Il Supremo Organo di Giustizia amministrativa ha accolto le doglianze ed i rilievi giuridici patrocinati dai suddetti imprenditori affermando che «il provvedimento asseritamente elusivo del commissario straordinario di Roma capitale non appare all’ordinanza cautelare n. 709 del 3 marzo 2016”».
«La conseguenza di tale ennesima pronuncia favorevole per i miei assistiti – ha concluso il legale – è quella di poter svolgere serenamente la propria attività commerciale a dispetto dell’atteggiamento immotivatamente persecutorio serbato dalla pubblica amministrazione e dal commissario straordinario nei loro confronti». La vicenda legale è nata perché il commissario Tronca aveva vietato durante tutto il periodo del Giubileo l’attività dei «saltafila» che vendono su strada pacchetti turistici nelle zone del centro di Roma. Contro il provvedimento le agenzie di viaggio si sono rivolte al Tar e al Consiglio di Stato.

Ti potrebbero interessare anche:

Concorso Vigili, nomina Vallante mette a rischio assunzioni
A via di Panico rimosso grande Gazebo abusivo
Maltempo a Roma, alberi caduti e case allagate
TEATRO VALLE/ Marinelli aprirà nel 2016, trovati i fondi
Mafia Capitale, prime sentenze in vista
Tre assessori di Marino nei guai, è inchiesta continua in Campidoglio



wordpress stat