| categoria: salute

Tumori: nuove prove contro le carni lavorate, aumenta il rischio

Alcol, obesità e carni lavorate aumentano il rischio di tumore allo stomaco. Lo afferma un rapporto di American Institute for Cancer Research e World Cancer Research Fund, secondo cui ad esempio due strisce di bacon al giorno fanno salire il rischio del 18%. Lo studio, pubblicato sul sito dell’istituto, si basa su 89 studi precedenti, con dati su 17,5 milioni di adulti, tra cui 77mila con un cancro allo stomaco. Per aumentare il rischio ‘servono’ tre porzioni di alcol al giorno, 50 grammi di carni lavorate o mangiare cibi conservati con il sale. Anche il peso ha una sua influenza, con il rischio che cresce del 23% ogni cinque unità di indice di massa corporea. “Abbiamo trovato anche segni – scrivono gli autori – che consumare carne e pesce grigliati possa contribuire al rischio, mentre il consumo di frutta, specie di agrumi, può prevenirlo”. La carne lavorata era già finita nell’occhio del ciclone lo scorso ottobre. L’Iarc, l’agenzia per la ricerca sul cancro, aveva deciso di inserirla nel gruppo 1 delle sostanze cancerogene in relazione però al tumore del colon-retto.

Ti potrebbero interessare anche:

Per il sesso l'ossitocina meglio del Viagra?
Mini-scosse al cervello per vincere la dipendenza da cocaina
Da emicrania a ansia, 200.000 italiani trattati con Shiatzu
Linee Guida multidisciplinari su colesterolo cattivo
La depressione ha origini genetiche?
Depressione in gravidanza, 'spia' nel livello di una proteina



wordpress stat