| categoria: Dall'interno

Il Papa a Villa Borghese per evento per Giornata Terra

A sorpresa papa Francesco prende parte a Villa Borghese alla manifestazione “Villaggio per la Terra”, organizzata per la Giornata internazionale della Terra, dove è stato invitato in particolare per il suo impegno per la difesa del creato, espresso tra l’altro con l’enciclica Laudato si’.. Il Papa, poco dopo le 16.00, ha rivolto un saluto e un breve intervento in concomitanza con un focus su “La nostra città, la nostra Terra”. L’evento è promosso da EarthDayItalia, Focolari, Connect4Climate e Roma Capitale. La manifestazione si svolge al Galoppatoio di Villa Borghese con un programma di quattro giorni, dal 22 al 25 aprile. Questo pomeriggio Francesco ha partecipato per circa un’ora. Al centro del focus “La nostra città, la nostra Terra i temi della cura dell’ambiente, universalmente sollecitati anche dall’enciclica di papa Francesco Laudato ‘, con una domanda di fondo: “cosa possiamo fare noi, cittadini di Roma e del mondo al di là delle responsabilità della politica e delle amministrazioni pubbliche”. Nel corso dei lavori, anche la testimonianza di padre Maurizio Patriciello, parroco del quartiere Parco Verde di Caivano (Napoli) e simbolo di resistenza nella Terra dei Fuochi.

Severe misure di sicurezza intorno a Piazza San Pietro e al Vaticano questa mattina in occasione della messa di papa Francesco per il Giubileo dei ragazzi e delle ragazze.
Hanno parecipato in 120 mila, secondo la Questura di Roma, gli adolescenti fra i 13 e i 16 anni, provenienti da tutta Italia ma anche dall’estero (principalmente da Spagna, Francia e Belgio) al pellegrinaggio giubilare loro riservato. Presenti anche numerosi turisti a Roma per il ponte del 25 Aprile. Felicità non è una ‘app’ che si scarica sul telefonino – “La vostra felicità non ha prezzo e non si commercia; non è una ‘app’ che si scarica sul telefonino: nemmeno la versione più aggiornata potrà aiutarvi a diventare liberi e grandi nell’amore”, ha detto papa Francesco nell’omelia della messa per il Giubileo dei ragazzi e delle ragazze.”L’amore è libero, non c’è un amore che non sia libero”. Ha detto papa Francesco, aggiungendo passi ‘a braccio’ alla sua omelia nella messa per il Giubileo dei ragazzi e delle ragazze. “Cari ragazzi – ha affermato -, alla vostra età emerge in voi in modo nuovo anche il desiderio di affezionarvi e di ricevere affetto. Il Signore, se andate alla sua scuola, vi insegnerà a rendere più belli anche l’affetto e la tenerezza. Vi metterà nel cuore un’intenzione buona, quella di voler bene senza possedere: di amare le persone senza volerle come proprie, ma lasciandole libere”. “C’è sempre infatti la tentazione di inquinare l’affetto con la pretesa istintiva di prendere, di “avere” quello che piace. E anche la cultura consumistica rafforza questa tendenza. Ma ogni cosa, se la si stringe troppo, si sciupa, si rovina: poi si rimane delusi, con il vuoto dentro. Il Signore, se ascoltate la sua voce, vi rivelerà il segreto della tenerezza: prendersi cura dell’altra persona, che vuol dire rispettarla, custodirla e aspettarla”, ha aggiunto.

Ti potrebbero interessare anche:

Donna uccide il convivente a Milano, in carcere con il bambino
Ragazzo morto discoteca Lecce: ne' droga ne' alcol, stroncato da infarto
Dopo Roma e Firenze il vento dell'Europa spira su Venezia
INCENDI: ANCORA EMERGENZA, UN MORTO VICINO A ORTE
L'INTERVENTO/ Violenza sessuale di gruppo, la mia indignazione di donna avvocato
La terremotata Peppina sfrattata a 95 anni: "Voglio morire nel mio paese”



wordpress stat