| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Caso Fortuna, picchiata in carcere la mamma di Antonio

Picchiata nel carcere femminile di Pozzuoli Marianna Fabozzi, la mamma di Antonio Giglio, il bambino morto a Caivano nello stesso palazzo in cui è morta la piccola Fortuna.
La donna, compagna di Raimondo Caputo, accusato dell’omicidio e dello stupro della bimba, era ai domiciliari con l’accusa di concorso in violenza sessuale ai danni di una delle figlie ed è stata arrestata ieri per la violazione della misura restrittiva. Stessa sorte, dunque, del suo compagno, linciato in carcere a Napoli.
Il cadavere del piccolo Antonio, morto un anno prima di Fortuna, fu trovato sul selciato del parco Verde di Caivano, precipitato dal settimo piano. Su questo decesso indaga la procura di Napoli che, secondo quanto si è appreso, potrebbe presto trasferire il fascicolo – finora aperto solo per omicidio colposo – alla sezione per i reati sessuali. Il gip di Napoli Nord ha aggravato la misura cautelare, emessa per concorso in violenza ai danni di Fortuna sostituendo gli arresti domiciliari con la custodia in carcere.

Ti potrebbero interessare anche:

Camusso (Cgil), il Concertone è datato, ma è un modo per arrivare alla gente
Lotta alla 'Ndrangheta, 65 arresti anche fra i vip : politici, imprenditori, avvocati e medici. Ind...
Primo impianto cocleare su bambina con gravissima sordità profonda
LORIS/ 2 - I tabulati aprono un nuovo fronte. A casa con il bambino Veronica parlava con il marito. ...
COCA COLA/ Piano di austerity, taglio di duemila posti. Addio limousine per i dirigenti
GIULIANOVA/ Accoltellato e ucciso per una mancata precedenza



wordpress stat