| categoria: Senza categoria, sport

Giochi senza Barriere, lo sport che abbatte le disabilità, il 9 giugno allo Stadio dei Marmi

L’Associazione art4sport ONLUS nata dalla straordinaria esperienza di Beatrice Vio, campionessa mondiale di scherma paralimpica nel 2015 a Eger (Ungheria) e in partenza per le Paralimpiadi di Rio 2016, quest’anno porta la VI edizione dei Giochi Senza Barriere nello spettacolare Stadio dei Marmi di Roma, in programma Giovedì 9 giugno alle ore 20,30. L’evento è una manifestazione sportiva ma anche uno scenografico e divertente spettacolo all’insegna dell’integrazione tra persone con disabilità e normodotate. Otto squadre in gara, provenienti da diverse regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Emilia Romagna, Lazio, Sardegna), sono composte ciascuna da 20 giocatori dagli 8 anni in su, normodotati o con disabilità. Le squadre, capitanate da un personaggio noto del mondo sportivo o dello spettacolo, si sfideranno in divertenti giochi sportivi espressamente ideati per questo evento e ispirati al tema di quest’anno, il viaggio.

Firmato Lorenzo Jovanotti il video inedito dedicato ai Giochi Senza Barriere, ma tanti altri sono gli sportivi e personaggi famosi convinti sostenitori dell’associazione: Andrea Lucchetta, Riccardo Pittis, Kristian Ghedina, Juri Chechi, Simona Atzori, Antonio Rossi, Bruno Cerella, Ciro Ferrara, Francesca Porcellato, Melania Corradini, Vittorio Brumotti, Fabio Tavelli e Lia Capizzi , Martin Castrogiovanni, Martina Caironi, Giusy Versace, Paola Perego, Claudio Lippi, Sabrina Salerno, Ludovico Fremont, Paolo Migone, Niccolò Fabi, Saturnino. Molti di loro saranno presenti anche quest’anno come capitani delle squadre.
L’Associazione art4sport ONLUS (www.art4sport.org) è nata dalla difficile ma straordinaria esperienza di Bebe (Beatrice Vio), campionessa mondiale di scherma paralimpica nel 2015 a Eger (Ungheria) e in partenza per le Paralimpiadi di Rio 2016. Bebe a 11 anni fu colpita da una meningite fulminante che le causò un’estesa infezione, con annessa necrosi, ad avambracci e gambe di cui si rese necessaria l’amputazione. Nonostante il grave danno la ragazza e’ diventata un simbolo della volonta’ e del coraggio riuscendo in straordinari risultati sportivi. L’evento, partito nel 2011 da Mogliano Veneto, sede dell’associazione, e approdato l’anno scorso all’Arena Civica di Milano come evento di Expo 2015, vede otto squadre in gara, composte ciascuna da 20 giocatori dagli 8 anni in su, normodotati o con disabilità. Ciascuna capitanata da un personaggio noto del mondo sportivo o dello spettacolo,le squadre si sfideranno in divertenti giochi sportivi espressamente ideati per questo evento e ispirati al tema di quest’anno. Art4sport sarà presente alle prossime Paralimpiadi di Rio accompagnando due atlete del suo team: Beatrice “Bebe” Vio e Veronica “Yoko” Plebani, qualificate per rappresentare le nazionali italiane di scherma e canoa alle prossime Paralimpiadi. Il Trio Medusa, voce del mattino di Radio Deejay da tempo legato all’associazione, presenterà la serata.

Ti potrebbero interessare anche:

Rugby, l'Italia piega Fiji, ma è stata durissima
A 14 anni stuprata dal branco, quattro giovani arrestati nel Barese
MOSTRE/ Tutto Ligabue in oltre cento capolavori
SOCIETA'/ Quanto stress ci portiamo a casa? Il lavoro invade ormai la sfera personale
LA DENUNCIA/ La Regione ristruttura e penalizza i giornalisti dell'ufficio stampa
2-2 A CROTONE, LAZIO MANCA PRIMO MATCH POINT CHAMPIONS



wordpress stat